Menu Chiudi

Arte, la Dante Society di Londra sceglie il Dante di Federica Mauro

Si chiama “Dante e le stelle” l’opera scelta dalla Dante Society di Londra per illustrare la locandina del concorso artistico internazionale, “Dante 700”, volto a celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta. A realizzarla è stata Federica Mauro, diciassettenne con disabilità, che abita in Toscana e coltiva molteplici interessi.

 

Federica Mauro, “Dante e le stelle”, 2020.

La Dante Society di Londra è una Onlus che promuove la cultura, la lingua e la creatività italiana a Londra spaziando tra le forme d’arte e le tradizioni che hanno reso famoso il Bel Paese nel mondo: letteratura, poesia, musica, teatro e turismo. In occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, essa ha lanciato un concorso artistico internazionale, “Dante 700”, volto a celebrare l’importante ricorrenza. Ebbene, la locandina dell’evento, che premierà le 30 migliori opere selezionate da un team di esperti e culminerà con una mostra che si farà a Londra nell’autunno 2021, è stata illustrata con “Dante e le stelle” di Federica Mauro (colori acrilici su tela, 2000). L’opera raffigura la testa del sommo poeta di profilo. Questa è colorata con diverse sfumature di blu chiazzato con sbavature irregolari di bianco. La figura risalta su uno sfondo di colori sfumati: arancio, verde e azzurro. Sotto la testa il verso “a riveder le stelle”. Nel sito della Onlus è possibile leggere l’autopresentazione della giovanissima artista.

«Ciao, mi presento… sono Federica Mauro, ho 17 anni. Sono una persona con disabilità che frequenta il terzo anno di scuole superiori. Con la mia famiglia siamo tornati in Toscana, ad Arezzo da due anni, per dieci anni siamo stati a Roma», esordisce.

Quindi racconta alcuni suoi interessi: «mi piacciono molte cose e cerco di tenermi sempre occupata. Seguo un corso di cucina perché forse da grande vorrei fare la cuoca e mi piace molto mangiare, soprattutto la pizza, la mia preferita è la margherita. Una cosa in cui sono molto brava è la lista della spesa. Ascolto tanta musica alla radio ed ho fatto anche dei corsi di canto quando vivevo a Roma; una volta ho anche cantato in pubblico e mi piace stare al centro dell’attenzione. Sono una persona allegra e mi piace tanto stare in compagnia, uscire con le amiche».

L’idea di provare a disegnare è nata per caso: «qualche anno fa per passare tempo di pomeriggio con la mamma, ho iniziato ad usare colori e pennello. Non sono brava a disegnare, ma con il computer, ed altri metodi, ho capito che anche io posso fare un quadro. Facendo i ritratti ho imparato a conoscere meglio i personaggi nella musica, nell’arte e nella storia. Mi sono appassionata a leggere le storie delle persone famose e soprattutto alle biografie dei Grandissimi del Corriere della Sera. Alcuni anni fa ho fatto delle mostre a Roma, con i ritratti di personaggi famosi ed amici. Ho anche incontrato alcuni di loro, per esempio l’astronauta Paolo Nespoli ed il disegnatore Silver (quello di Lupo Alberto), mi ha fatto una vignetta. Preferisco i colori accesi ed il mio colore preferito è il rosso, ma anche l’arancione e per i miei 18 anni voglio farmi i capelli di quel colore!»

Poi è arrivata la pandemia. «Durante il lockdown, facendo i quadri con la mamma abbiamo pensato di celebrare i 700 anni dalla morte di Dante facendo dei quadri anche su di lui. Cerco di fare tante cose diverse per tenermi impegnata e poi se faccio una mostra incontro nuove persone», conclude. (S.L.)

 

Vedi anche:

Dante Society di Londra.

Pagina dedicata al concorso “Dante 700”.

La presentazione di Federica Mauro.

 

Ultimo aggiornamento il 17 Marzo 2021 da simona