Menu Chiudi

Coronavirus, nuovi servizi informativi dell’ANMIC

Un numero nazionale dedicato e la rubrica «L’esperto risponde» in onda sulla radio dell’Associazione sono i due importanti servizi informativi attivati dall’ANMIC (Associazione Nazionale per la tutela delle persone con disabilità) per rispondere a qualsiasi dubbio o necessità di informazioni riguardo alle disposizioni sui diritti delle persone con disabilità contenute nei vari Decreti relativi alle misure di contrasto al coronavirus e nelle circolari collegate.

 

Una realizzazione grafica con una figura maschile seduta ad una scrivania che consulta un computer portatile, e la scritta “L’esperto risponde” (il nome della rubrica trasmessa su “Radio Anmic 24”).

A partire dallo scorso 20 marzo è stato attivato dall’ANMIC (già Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili, oggi divenuta Associazione Nazionale per la tutela delle persone con disabilità) un utile servizio di ascolto telefonico con un numero nazionale dedicato, 347.9494981, attivo tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 12, e nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle ore 15 alle ore 17, per rispondere a qualsiasi dubbio o necessità di informazioni riguardo alle disposizioni sui diritti delle persone con disabilità contenute nei vari Decreti relativi alle misure di contrasto al COVID-19 e nelle circolari collegate, nello specifico si tratta di permessi ex Legge 104/92, di congedi, di assistenza domiciliare, di commissioni di invalidità, della proroga di documenti di identità e patenti di guida e ogni possibile criticità che riguardi i temi dell’invalidità civile in questo particolare momento di emergenza.

È poi possibile, scaricando dal sito istituzionale dell’Associazione la app “Radio Anmic 24“, sintonizzarsi sulla radio dell’Associazione che dà in tempo reale tutti gli aggiornamenti, interviste e commenti sui temi della disabilità, ed ha una rubrica «L’esperto risponde», in cui viene data soluzione ai quesiti posti dagli ascoltatori.

«Si tratta di un’attività pubblica di primaria importanza – afferma Nazaro Pagano, presidente nazionale ANMIC –, che consentirà alle fasce più deboli della popolazione di ricevere informazioni di primaria utilità, per godere delle tutele che lo Stato sta mettendo in essere a loro sostegno». (S.L.)

 

Nota: si ringrazia Annalisa Cecchetti, vicepresidente ANMIC Nazionale, per la segnalazione.

 

Per approfondire:

ANMIC – Associazione Nazionale per la tutela delle persone con disabilità (già Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili).

 

Ultimo aggiornamento: