Menu Chiudi

Il decennale della ratifica della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità da parte dell’Unione Europea

«I principi della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità devono costituire il faro per chi elabora le politiche, a livello nazionale ed internazionale», ha dichiarato Vincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), commentando il decennale della ratifica da parte dell’Unione Europea della Convenzione ONU, e riproponendo gli 11 motivi per cui, secondo il Forum Europeo sulla Disabilità, abbiamo ancora bisogno della Convenzione.

 

I loghi che rappresentano varie forme di disabilità, con la bandiera dell’Unione Europea al centro.

È entrata in vigore dieci anni fa, a livello di Unione Europea (UE) la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità (CRPD). L’UE è l’unica organizzazione di integrazione regionale ad aver ratificato il CPRD. Questo è rivoluzionario e mostra una leadership globale sul tema, da parte dell’UE, perché la Convenzione ha apportato cambiamenti profondi nel modo in cui i diritti delle persone con disabilità vengono trattati a livello internazionale, dell’UE e nazionale, appunto.

Dieci anni sono un traguardo importante. Ma come possono testimoniare i 100 milioni di persone con disabilità in Europa, firmare una Convenzione non è sufficiente. Fino a quando le persone con disabilità non avranno gli stessi diritti degli altri, lo stesso livello di occupazione, livello di istruzione, inclusione sociale, diritto di viaggiare, lavorare e studiare all’interno dell’UE come gli altri, vivere in modo indipendente ed essere inclusi nella comunità, la CRPD è ancora un lavoro in corso.

La prossima strategia dell’UE sui diritti delle persone disabili è, in questo senso, un’opportunità per gettare le basi per la piena attuazione della CRPD a livello dell’UE.

«L’impatto del COVID-19 sulle persone con disabilità ha cambiato tutto. La discriminazione, l’esclusione e l’impoverimento delle persone con disabilità in Europa sono stati messi al centro dell’attenzione. Tutte le persone con disabilità che hanno perso la vita, i loro familiari, i loro mezzi di sussistenza, i contatti con gli amici, la famiglia e la loro rete di sostegno richiedono da noi, dalle istituzioni dell’UE, di trasformare completamente il nostro lavoro includendo le persone con disabilità. Non ci saranno più scuse. Il CRPD è in vigore da 10 anni: è tempo di assicurarsi che le leggi vengano adottate, che le leggi vengano applicate, che le persone abbiano il potere e che vengano investiti i fondi. L’imminente strategia sui diritti dei disabili dovrebbe porre le basi per una vera uguaglianza per le persone con disabilità in Europa», afferma il presidente di EDF (Forum Europeo sulla Disabilità), Yannis Vardakastanis.

«I principi della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità costituiscono un manifesto ideale per la Federazione e per la rete associativa che vi si riconosce», commenta il presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), Vincenzo Falabella: «devono per questo costituire il faro per chi elabora le politiche, a livello nazionale ed internazionale. Perché da allora, sono passati dieci anni, diventa sempre più necessario la riforma dell’attuale sistema di welfare, basato principalmente sul sistema di protezione, che deve essere profondamente modificato in favore di un nuovo modello basato sui diritti umani, civili e sociali».

Per questo, diventa sempre più necessario costruire importanti risultati per trasformare questi diritti in realtà.

Ecco 11 motivi per cui abbiamo ancora bisogno della Convenzione secondo il Forum Europeo sulla Disabilità.

  1. Niente di noi senza di noi: la CRPD ha obbligato i governi a coinvolgere in modo significativo le persone con disabilità attraverso le loro organizzazioni rappresentative (DPO) in tutte le questioni che li riguardano. Per quanto strutturato e prevedibile, manca ancora un dialogo significativo e la maggior parte dei DPOS non dispone di risorse adeguate per svolgere il proprio ruolo. L’articolo 4 (Obblighi generali), comma 3 della CRPD e il Commento Generale n. 7sono fondamentali per richiedere la consultazione e il coinvolgimento delle organizzazioni di persone con disabilità.
  2. Accessibilità: l’accessibilità sta diventando sempre più un aspetto centrale delle tecnologie dell’informazione e della comunicazionegrazie a iniziative dell’UE come la Legge Europea sull’Accessibilità o la Direttiva sull’Accessibilità del Web. Le persone con disabilità possono trovare più facilmente dispositivi accessibili, come computer o smartphone, ma devono comunque affrontare grandi barriere di accessibilità nellambiente costruito, nei servizi di trasporto o nei prodotti di uso quotidiano come, ad esempio, gli elettrodomestici. Anche le persone con disabilità sono ancora a maggior rischio di subire danni durante le situazioni di emergenza poiché le informazioni pubbliche di emergenza e la comunicazione con numeri di contatto dedicati sono ancora spesso inaccessibili. L’articolo 9 (Accessibilità) e l’articolo 21 (Libertà di espressione e opinione e accesso all’informazione) della CRPD e il Commento Generale n. 2 impongono all’UE di intensificare tali sforzi.
  3. Parità di trattamento: le persone con disabilità sono protette contro la discriminazione nel campo dell’occupazione e della formazione professionale attraverso la legislazione dell’UE contro la discriminazione. Ad oggi, l’UE non vieta la discriminazione basata sulla disabilità  proibisca la discriminazione basata sulla disabilità in tutti i settori della vita. L’articolo 5 (Uguaglianza e non discriminazione) della CRPD e il Commento Generale n. 6 stabiliscono obblighi fondamentali per garantire l’uguaglianza e la non discriminazione di tutte le persone con disabilità.
  4. Diritti delle donne: le donne e le ragazze con disabilitàcontinuano ad affrontare un rischio di violenza più elevato rispetto alle altre donne, più discriminazione rispetto agli uomini con disabilità nell’accesso al lavoro, all’istruzione e alla salute e sono esposte ad abusi dei diritti umani come la sterilizzazione forzata. L’articolo 6 (Donne con disabilità) della CRPD e il Commento Generale n. 3, in questo senso, obbligano l’UE a fare di più riguardo a questi aspetti.
  5. Vita indipendente: si stima che circa 1,5 milioni di persone nell’UE vivano ancora in istituti. Nonostante il fatto che i regolamenti dell’UE vietino gli investimenti nell’assistenza istituzionale, non abbiamo regole per impedire che i fondi vengano investiti nella ristrutturazione delle istituzioni esistenti per migliorarne l’efficienza energetica, o per la costruzione di nuove strutture di assistenza che rimangano di natura istituzionale. COVID-19 ci ha fornito un cupo promemoria dei pericoli che corrono le persone con disabilità nelle istituzionie dovrebbe agire da catalizzatore per l’azione. L’articolo 19 (Vita indipendente ed inclusione nella società) della CRPD e il Commento Generale 5 descrivono in dettaglio ciò che gli stati dovrebbero mettere in atto per rendere la vita indipendente una realtà.
  6. L’assistenza sanitaria è principalmente responsabilità dei Governi Nazionali, con l’UE che svolge un ruolo di sostegnoTuttavia, nelle azioni intraprese, anche durante la pandemia COVID-19, è stata data poca o nessuna considerazione alle persone con disabilità. L’articolo 11(Situazioni di rischio ed emergenze umanitarie) e l’articolo 25 (Salute) della CRPD richiedono che l’UE garantisca una risposta inclusiva della disabilità alle emergenze e l’accesso all’assistenza sanitaria a tutte le persone con disabilità.
  7. Libertà di movimento e programma di scambio europeo: abbiamo compiuto molti progressi con la legislazione sui diritti dei passeggerinell’UE. Tuttavia, questa legislazione non garantisce viaggi spontanei e indipendenti, non copre i trasporti urbani o gli autobus a breve distanza e consente ancora, in alcune circostanze, il divieto di imbarco alle persone con disabilità. La carta di disabilità dell’UE è stata creata ma è disponibile e riconosciuta solo in 9 Stati membri. Non consente alle persone con disabilità di far riconoscere la propria disabilità in diversi Stati membri. L’articolo 20 (Mobilità personale) della CRPD richiede che le persone con disabilità possano avere il diritto di muoversi con la massima indipendenza possibile.
  8. I giovani con disabilitàsono sottorappresentati nei programmi dell’UE per la gioventù come i programmi di mobilità come Erasmus +, dove meno del 2,5% sono partecipanti con disabilità. Il sostegno finanziario insufficiente, la non trasferibilità dei servizi, l’inaccessibilità e la mancanza di informazioni sulle misure disponibili per le persone con disabilità sono ostacoli per i giovani con disabilità. L’UE dovrebbe garantire l’accessibilità delle informazioni e un sostegno finanziario sufficiente per consentire ai partecipanti con disabilità di partecipare su base di parità come gli altri giovani a questi programmi dell’UE. È fondamentale ai sensi dell’articolo 20 (Mobilità personale) e dell’articolo 24 (Educazione) della CRPD.
  9. Attuazione della Convenzione: i diritti dei disabili sono ora inclusi in molti nuovi campi politici e le istituzioni dell’UE hanno prestato maggiore attenzione alla CRPD. Nel 2019 abbiamo assistito per la prima volta alla nomina di un Commissario per la parità. Tuttavia, è davvero importante che l’UE istituisca un’unità specificamente dedicata alla CRPDe un piano globale per coordinare l’attuazione della stessa. Questo meccanismo è richiesto dall’articolo 33 (Applicazione a livello nazionale e monitoraggio) della CRPD.
  10. Oltre l’Unione Europea: l’Unione deve garantire coerenza tra le proprie politiche interne sulle persone con disabilità e tutto quello che svolge nelle azioni verso l’esterno. Ad esempio, nessun denaro dell’UE dovrebbe essere utilizzato per costruire infrastrutture inaccessibili o finanziare istituzioni in Paesi al di fuori dell’UE stessa. L’UE deve collaborare con organizzazioni di persone con disabilità nei Paesi in cui sviluppa progetti e garantire che tutti i programmi e progetti dell’UE siano accessibili e inclusivi. Questo è un aspetto chiave dell’articolo 32(Cooperazione internazionale) della CRPD.
  11. Responsabilità e rendicontazione: l’UE e tutti i suoi Stati membri si sono impegnati a favore della CRPD. Questo è un risultato storico. Tuttavia, l’UE e sei Stati membri non hanno ratificato il Protocollo Opzionale, il che significa che le persone con disabilità non possono presentare reclami al Comitato ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. Inoltre, alcuni Paesi non presentano nei tempi richiesti il proprio rapporto sull’applicazione della Convenzione, evitando in tal modo di modificare ciò che lo richiederebbe. L’articolo 35(I rapporti degli Stati Parti) della CRPD richiede la tempestiva comunicazione di tutti gli Stati che hanno ratificato la Convenzione.

Fonte: comunicato stampa FISH

 

Vedi anche:

FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap

 

Ultimo aggiornamento il 26 Gennaio 2021 da simona