Menu Chiudi

La Comunicazione Aumentativa Alternativa

Il centro Informare un’h organizza, per il prossimo 22 novembre, il seminario “La Comunicazione Aumentativa Alternativa” (CAA). L’evento, che si terrà a Peccioli (PI), si propone a richiamare l’attenzione sulle barriere comunicative, parlando della quotidianità di chi comunica in modo diverso, di progetti, e, soprattutto, ascoltando la testimonianza di chi la CAA la usa. L’evento è gratuito, ma, per motivi organizzativi, è necessaria la preiscrizione entro il 18 novembre 2019.

 

Un’adolescente manifesta il proprio stato d’animo ad una ragazza ponendo davanti al proprio viso un cartello con il simbolo di una faccia sorridente.

Il 22 novembre, a Peccioli (PI), si terrà il seminario “La Comunicazione Aumentativa Alternativa”. L’evento è organizzato dal centro Informare un’h, con il patrocinio del Comune di Peccioli, della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare), del Coordinamento Etico dei Caregivers, e delle associazioni Autismo Pisa-Valdera-Valdicecina e Tarta Blu. Esso si svolgerà presso la Struttura “Incubatore di imprese” (via Boccioni, 2, lungo la Strada Provinciale della Fila), si ringrazia la Belvedere S.p.A. per la concessione dei locali.

Con l’espressione Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) si intende un insieme di strategie, tecniche ed interventi volti a facilitare e migliorare la comunicazione di tutte le persone che hanno difficoltà ad utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura. La CAA tende ad incrementare le possibilità comunicative naturali della persona con bisogni comunicativi complessi, integrando le stesse con modalità di comunicazione alternative, diverse da quelle tradizionali. Le modalità impiegate possono essere molto diverse. Una delle più comuni consiste nell’uso di un sistema di scrittura in simboli (concetti con la parola scritta sopra).

L’impiego della CAA consente alle persone che la utilizzano di soddisfare bisogni primari quali interloquire con le persone, dar voce ai propri pensieri e desideri, richiedere e ricevere informazioni o oggetti, compiere scelte… autodeterminarsi. Perché sia uno strumento realmente inclusivo, la CAA deve coinvolgere l’ambiente di vita della persona interessata a partire da quello più prossimo (famiglia, amici), sino a coinvolgere la scuola, i luoghi di socializzazione, gli ambienti ricreativi, i luoghi ed i servizi pubblici e di pubblica utilità, gli ambienti di lavoro, ecc.

Trascrizione in simboli del titolo del seminario: “La Comunicazione Aumentativa Alternativa”.

Le persone comuni pensano che le maggiori difficoltà delle persone con disabilità siano costituite dalle barriere architettoniche, e non vi è dubbio che queste siano ancora un grande problema. Invece non sembra esserci, a livello di opinione pubblica, sufficiente consapevolezza di quanto siano penalizzanti, per alcune persone, le barriere alla comunicazione. Essere informati su ciò che accade nella propria città, in Italia e nel mondo. Poter leggere qualsiasi testo, dal “Manuale delle Giovani Marmotte” all’ultimo trattato di filosofia, dal libro di cucina ai romanzi di Jonathan Safran Foer. Conoscere le norme che sanciscono i propri diritti per rivendicarli. Spesso chi ha difficoltà di comunicazione è tagliato fuori da tutto questo. Nel suo piccolo, il seminario promosso dal centro Informare un’h si propone a richiamare l’attenzione su questo tipo di barriere parlando della quotidianità di chi comunica in modo diverso, di progetti, e, soprattutto, ascoltando la testimonianza di chi la CAA la usa. Esso è rivolto a persone con disabilità, famiglie, operatori scolastici, educatori, associazioni, amministrazioni, servizi socio-sanitari e chiunque sia interessato.

I lavori inizieranno alle 14,30 con la registrazione partecipanti, e saranno moderati da Alessandro Pecori, coordinatore di InformareComunicando. Renzo Macelloni, sindaco di Peccioli, e Angelo Giuntinelli, vicepresidente UILDM sezione di Pisa, porgeranno i saluti istituzionali. Antonietta Scognamiglio, presidente del Coordinamento Etico dei Caregivers di Pisa, svilupperà il tema “Utilizzare la CAA nella quotidianità”; Marco Del Monaco, attivista con disabilità, porterà la sua testimonianza; Simona Lancioni, responsabile del centro Informare un’h, parlerà de “I diritti delle donne con disabilità in CAA”, illustrando un lavoro realizzato dal centro su questo tema (se ne legga in questo approfondimento); Stefania Costantini, educatrice socio-pedagogica, relazionerà su “Holly, la formica”, un progetto rivolto alle scuole. Al termine dei lavori è previsto un dibattito ed un rinfresco. (Simona Lancioni)

 

Segreteria organizzativa: Informare un’H (Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli), tel. 0587 672444, e-mail: info@informareunh.it

 

Materiali di supporto:

Scheda d’iscrizione al seminario “La Comunicazione Aumentativa Alternativa” da restituire via e-mail alla segreteria organizzativa, debitamente compilata, entro il 18 novembre 2019.

Pieghevole del seminario “La Comunicazione Aumentativa Alternativa”.

Locandina del seminario “La Comunicazione Aumentativa Alternativa”.

 

Ultimo aggiornamento: