Menu Chiudi

Nasce Condicio.it: dati e cifre sulla condizione delle persone con disabilità

Logo di Cindicio.it, il nuovo progetto della Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap.
Logo di Cindicio.it, il nuovo progetto della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap.

Chi si occupa di disabilità comprende l’importanza di disporre dei dati utili a descrivere questa condizione di vita che riguarda milioni di persone. In Italia, a livello istituzionale, l’Istat (l’Istituto Nazionale di Statistica) gestisce il sito “Disabilitàincifre“, realizzato allo scopo di fornire dati statistici sulle persone con disabilità in Italia nell’ambito del progetto “Sistema di Informazione Statistica sulla Disabilità”, promosso dal Ministero della Solidarietà Sociale. Si tratta tuttavia di un sito poco aggiornato: siamo nel 2013 e l’ultimo aggiornamento risulta all’11 ottobre 2011, e i dati sono ancora più vecchi (l’ultima news riguarda la sezione “Istruzione ed integrazione scolastica” e i dati risalgono al 2009).

Per questi motivi va salutato con piacere Condicio.it, il nuovo progetto della FISH, Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, finalizzato raccogliere e analizzare le fonti esistenti utili a delineare le condizioni di vita delle persone con disabilità in Italia. Come specificato nel pagina di presentazione del progetto: “esistono molte ricerche, studi, atti normativi che contengono elementi di conoscenza di questi fenomeni. Alcune sono fonti specifiche, altri sono documenti più generali che considerano anche la disabilità. Il tentativo di Condicio.it è di raggruppare le fonti con una indicizzazione razionale ed efficace che semplifichi e renda efficace la ricerca. Condicio.it propone anche schede di sintesi per argomenti, soprattutto quelli di maggiore impatto sulla quotidianità delle persone, per agevolare ulteriormente conoscenza e coscienza delle reali condizioni di vita delle persone con disabilità.” [i grassetti nella citazione sono nostri].

Condicio.it è un’iniziativa che nasce dalla società civile e, proprio per questo – se portata avanti con metodo e serietà – potrebbe aiutare a colmare la distanza tra la “fotografia istituzionale” della disabilità, e quella scattata da chi questa condizione ci vive e/o ci convive.

Simona Lancioni
Responsabile del centro Informare un’H di Peccioli (PI)
Ultimo aggiornamento: 12.07.2013

Ultimo aggiornamento: