Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 27 agosto 2020

Cassazione, ulteriori precisazioni sull’impiego dei permessi per l’assistenza
In merito ai permessi lavorativi retribuiti concessi ai lavoratori ed alle lavoratici per assistere un familiare con disabilità, una recente Sentenza della Corte di Cassazione chiarisce che si configura una situazione di uso improprio o di abuso del diritto solo nella circostanza in cui viene a mancare del tutto il nesso causale tra assenza dal lavoro ed assistenza alla persona disabile, e che, in ogni caso, l’onere della prova dell’eventuale abuso rimane in capo al datore di lavoro che intende sanzionare il/la dipendente.

Contrasto alla violenza sulle donne con disabilità, il modello di Differenza Donna
L’attenzione al fenomeno della violenza sulle donne con disabilità è sensibilmente cresciuta negli ultimi anni, e se sono davvero tante le cose si potrebbero ancora dire e fare in questo ambito, è pur vero che qualcosa è già stato fatto. E quando si parla di cose fatte, Rosalba Taddeini, psicologa e responsabile dell’Osservatorio sulla violenza contro le donne con disabilità dell’associazione Differenza Donna di Roma, ha davvero tanto da raccontare. Nell’intervista che ci ha concesso non rileviamo solo le caratteristiche di un modello di risposta alla violenza che meriterebbe di essere replicato in ogni dove, cogliamo anche la «voglia di stare in contatto con le donne, di essere aperte, senza avere paura». E forse è proprio questo l’“ingrediente segreto” che trasforma un servizio in un servizio inclusivo.

Un Tavolo Tecnico per analizzare l’attuazione della Legge sul “Dopo di Noi”
L’Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità, attivo presso la Presidenza del Consiglio, ha istituito un Tavolo Tecnico per l’analisi degli aspetti giuridici e fiscali di attuazione della cosiddetta Legge sul “Dopo di Noi” (Legge 112/16), che sarà composto da rappresentanti della stessa Presidenza del Consiglio, del Consiglio Nazionale del Notariato e delle Federazioni maggiormente rappresentative delle persone con disabilità (FAND, FISH), articolando il proprio lavoro su momenti di confronto con interlocutori istituzionali, del Terzo Settore e della Società Civile.

Ritorno a scuola, la lettera del prof alla ministra. “Ecco la terza via per non fallire”
Fabio Bocci, docente di Didattica e Pedagogia speciale all’Università Roma Tre, indica alcune strategie per evitare che, dopo aver riaperto, la scuola torni a chiudere. Dalle “cordate” di alunni agli spazi aperti, dai “tempi distesi” agli “stimoli a distanza”. Sempre nel segno dell’inclusione e la condivisione.

La promozione è illegittima, se non si rispetta il diritto all’istruzione
«Solo una corretta applicazione da parte dei docenti della normativa inclusiva – scrive Salvatore Nocera, commentando una recente Sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Siciliana -, basata su Piani Educativi Individualizzati (PEI) che possano essere effettivamente utili a un percorso di crescita dell’alunno e a un’effettiva attuazione generalizzata del progetto di vita, sono le condizioni perché non si pervenga a situazioni singolari come quella qui presa in esame, che vedrà un’alunna con disabilità ripetere nel prossimo anno la terza media per la quarta volta».

Ragazzi autistici respinti in una stazione di servizio, ecco come stanno le cose
Da reclusi vicini, da scampati egoisti e lontani: giorni fa la solita terribile storia di rifiuto per le persone con autismo. A una stazione di servizio autostradale un gruppo di ragazzi con autismo si siede ai tavoli e scatta il rifiuto, con il titolare che poi si scusa.

La sedia a rotelle dall’antica Grecia alla handbike
«Forse la prima persona con disabilità ad avere assaporato un po’ di autonomia con una sorta di sedia a rotelle fu un abitante dell’antica Grecia nel VI secolo avanti Cristo, o magari un cinese intorno al 525 dopo Cristo»: comincia così l’excursus sulla storia della sedia a rotelle che Stefania Delendati propone oggi ai Lettori, fino ad arrivare alle moderne handbike e ai progetti rivoluzionari in atto, come le sedie controllate dagli impulsi neurologici che arrivano direttamente dal cervello. Con una precisazione conclusiva, per spiegare che né “carrozzine” né “carrozzelle” sono in realtà termini appropriati…

Quando il Covid bussa alla porta del caregiver. Tanti problemi e l’assistenza che non c’è
Un figlio adulto con disabilità, una madre non più giovane ad assisterlo: poi lei si ammala di Covid, deve essere ricoverata. Lui non può restare solo in casa: per portarlo a casa della sorella, serve mezzo attrezzato, ma trovarlo non è facile. Ci pensa la Misericordia locale. Ora, c’è da pensare all’assistenza.

Come “guardare con le mani” un fumetto che racconta la vita di Gesù
«Venezia – scrive Angela Bellarte – è sempre una sorpresa, ma ora c’è una sorpresa in più, ovvero, al Santuario di Santa Lucia, la vita di Gesù raccontata in una serie di plastici (diorama) tutti da toccare, realizzati da Francesco Bonvissuto, per consentire anche alle persone non vedenti di gustare appieno questa storia meravigliosa. È infatti come “guardare” un fumetto con le mani, e ritrovarsi direttamente dentro alla storia stessa. Si tratta di un’occasione imperdibile per appropriarsi con le mani di una spazialità e di una profondità che raramente si trovano a portata di tocco».

La foresta pietrificata dei fondi per il sociale
I bisogni cambiano, ma i criteri in base ai quali lo Stato distribuisce alle Regioni le risorse del Fondo nazionale delle politiche sociali (391,7 mln nel 2019) sono gli stessi da 4 lustri. Risultato? Il sistema non incentiva né le Regioni che aggiungono risorse né quelle che (col contributo del Terzo settore) migliorano i servizi.

Salute mentale, in Toscana rafforzata collaborazione con associazioni
Firmato l’accordo per promuovere e tutelare i diritti delle persone con disagio mentale e delle loro famiglie.

«Non parcheggiare qui». Una “supereroina” per sconfiggere gli incivili
“Don’t park here!” è il titolo della campagna di sensibilizzazione del Comune di Taviano (Lecce) che affronta il problema di chi parcheggia l’auto nei posti riservati ai disabili.

Scacco matto. Mosse vincenti anche senza poter vedere
Un gioco sedentario, soprattutto se paragonato ad altre discipline per non vedenti, ma dove le emozioni sono comunque fortissime. In calendario per ottobre il torneo internazionale “Memorial Claudio Levantini”, mentre per il 2021 il calendario prevede l’organizzazione di un grande evento internazionale.

Criticità di farmaci salvavita per l’epilessia: sciopero della fame dell’AICE
Prosegue lo sciopero della fame avviato dalla Presidenza dell’AICE (Associazione Italiana Contro l’Epilessia), per denunciare la carenza di farmaci salvavita per l’epilessia, problema pesantemente aggravatosi in seguito alla pandemia da coronavirus di questi mesi. L’iniziativa dell’Associazione, quindi, proseguirà fino a quando non arriveranno motivate risposte dal Ministero della Salute e dall’Agenzia Italiana del Farmaco, sia sul problema denunciato, sia una serie di proposte di soluzioni universalistiche riguardanti anche le altre patologie croniche e invalidanti.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).

Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it

Seguici anche su Facebook.

Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

 

Ultimo aggiornamento: