Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 19 novembre 2020

#Rifiorire, una buona campagna contro la violenza sulle persone con disabilità
A partire dal 9 novembre scorso l’Associazione Verba di Torino (che gestisce il Servizio Antiviolenza Disabili – Il Fior di Loto) ha lanciato #Rifiorire, una campagna di comunicazione online per informare e sensibilizzare la popolazione sulla violenza contro le persone con disabilità. La campagna, che presenta caratteristiche innovative, prevede che i profili Facebook e Instagram dell’Associazione siano animati con spunti di riflessione, racconti di persone che si sono rivolte al Servizio, video informativi, contributi scritti e interazioni con il pubblico chiamato a rispondere alla domanda “cosa significa per te rifiorire?”. L’iniziativa si chiuderà il 25 novembre, con un incontro in diretta Facebook sul tema violenza e disabilità.

Altri corpi, ovvero visioni e rappresentazioni di corpi disabili, o comunque diversi
È stato appena pubblicato il volume Altri corpi. Visioni e rappresentazioni della (e incursioni sulla) disabilità e diversità (Roma Tre-Press), scritto dal Fabio Bocci e Alessandra M. Straniero. L’opera, liberamente scaricabile dal sito della casa editrice, analizza come i corpi diversi – nel senso di non conformi a uno standard ritenuto “normale” nelle rispettive comunità di appartenenza – sono stati rappresentati e narrati nelle varie epoche. Si tratta di un testo critico che, destreggiandosi tra Visioni, Rappresentazioni e Incursioni, si caratterizza per la ricchezza argomentativa.

Le mascherine giuste per non escludere le persone sorde dalla vita sociale
«Le mascherine chirurgiche, purtroppo, ostacolano la lettura labiale ed escludono le persone sorde dalla vita sociale»: lo dichiarano dall’Associazione Luca Coscioni, dal Movimento LIS Subito! e dall’Associazione Emergenza Sordi, che per questo hanno scritto al Presidente del Consiglio e ai Ministri di Salute e Istruzione, «per sollecitare un intervento concreto e incisivo affinché si proceda alla dotazione di mascherine trasparenti certificate, che permettano la lettura labiale, sia nei luoghi pubblici che privati, scuole e ospedali inclusi, ovunque cioè si fornisca un servizio all’utenza».

CapisciAMe, l’app per persone con disartria, selezionata per il concorso MakeToCare
Circa un anno fa ci eravamo occupati di CapisciAMe, un’applicazione di assistenza vocale progettata per supportare le persone interessate da disartria, un disturbo motorio del linguaggio caratterizzato da una scarsa capacità di articolazione dei fonemi. Oggi CapisciAMe è uno dei dodici progetti selezionati per MakeToCare, un’iniziativa per facilitare e far emergere dal mondo dei makers la realizzazione di soluzioni innovative originali e utili ad incontrare i bisogni reali delle persone che subiscono una diminuzione della qualità della vita. Tuttavia, dei dodici progetti selezionati, solo otto parteciperanno alla fase finale della competizione, e questi saranno selezionati in base al numero dei voti che prenderanno su una piattaforma online.

Un codice per avere sempre con sé le informazioni sui verbali di invalidità
Tramite un recente Messaggio, l’INPS ha informato che, nell’àmbito dei servizi online offerti al cittadino, è stato implementato il nuovo sistema “QR Code dell’invalidità civile”, per tutti i verbali di invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità. Tale codice può essere dunque utilizzato per attestare in tempo reale lo stato di invalidità e accedere alle agevolazioni previste dalla normativa vigente in materia di invalidità civile, oltre agli eventuali bonifici erogati da soggetti esercenti, garantendo inoltre informazioni sempre attendibili e aggiornate.

Voto e disabilità, “in Europa sia un diritto garantito ovunque”: appello del Cese
La sezione Occupazione, affari sociali, cittadinanza del Cese ha approvato all’unanimità un parere che fa il punto sulla questione. Barbieri: “Dall’ultimo parere a oggi è cambiato troppo poco: diritto leso almeno in 14 paesi su 27. Presenteremo il documento a Consiglio, Commissione e Parlamento, con l’auspicio che intervengano per garantire suffragio universale”.

Servizi sociali essenziali: dove sono i piani regionali?
Nella prima ondata i servizi essenziali per la cura e il sostegno delle fasce più a rischio della popolazione sono stati chiusi, spesso senza alcun intervento sostitutivo. Il decreto Rilancio li ha definiti servizi essenziali e le Regioni avrebbero dovuto stendere un “piano pandemico” dei servizi sociali essenziali entro il 16 settembre. Ad oggi, non ci sono notizie circa la loro adozione. E non basta dire agli enti gestori: restate aperti, a vostro rischio e pericolo.

Covid-19 e demenza. Un paziente su 6 deceduto è affetto da deficit cognitivo. Lo studio dell’Iss
Proprio la demenza avrebbe ostacolato la diagnosi tempestiva individuazione dei primi segni e sintomi dell’infezione da Sars-CoV-2, accelerando una nefasta evoluzione. Tracciato l’identikit fisico e clinico di questi pazienti in uno studio condotto dall’Iss sulle cartelle cliniche di 2.621 pazienti deceduti e pubblicato Alzheimer’s & Dementia.

Ventiquattro anni di amore alieno
Ogni volta che arriva il compleanno di Luca mi sale l’ansia, perché per me è una giornata da celebrare, e vorrei che lo fosse anche per lui, che invece lo considera un giorno come un altro. Né più né meno. Il motivo dell’ansia non è solo questo, ovviamente. È che il tempo passa imperterrito e lui rimane sempre più indietro, sempre bambino, mentre noi invecchiamo, siamo stanchi e chissà per quanto riusciremo a mantenere questo ritmo.

Diciassette persone con diverse disabilità inserite positivamente nel lavoro
Sono le persone, per lo più con disabilità intellettive, destinatarie del progetto “Disabili al lavoro: inclusione, formazione e sviluppo” pensato dalla Nostra Famiglia in collaborazione con l’azienda Bennet. Tra di loro ci sono due giovani donne come Alessia, addetta alle vendite in un reparto di panificazione e pasticceria, che si sente «valorizzata, artefice della propria vita e felice della sua autonomia» e Marta, addetta alle pulizie, soddisfatta di avere trovato persone che le hanno «insegnato a sviluppare diverse competenze».

Colf e badanti, le famiglie spendono 15,1 mld l’anno
La spesa maggiore per il lavoro domestico è rappresentata dall’assistenza agli anziani: 8 miliardi. Solo il 20% degli anziani può permettersi un aiuto in casa di 25 ore a settimana. Per lo Stato si tratta di un risparmio pari a 10,9mld di euro annui. I dati diffusi in anteprima dall’Osservatorio nazionale Domina.

Disabilità, “al Grande Fratello vip ancora insulti verso le persone con sindrome di Down”
Dopo le espulsioni per blasfemia e per l’uso della N-word, CoorDown denuncia l’ennesimo episodio e chiede l’espulsione per la concorrente Selvaggia Roma. “Non smetteremo mai di denunciare il linguaggio violento e l’ignoranza in Tv”.

“Dementi”, “pazzi”, “ritardato”, “lobotomizzato”. Le parole dello stigma che si dovrebbero evitare
Utilizzare una diagnosi come insulto, danneggia tutte le persone che sono realmente affette da quella condizione e di cui non sono responsabili. Oltre a essere offensivo e irrispettoso, questo automatismo può confondere le conoscenze sulla propria condizione e spaventare rispetto al proprio futuro e al proprio posto nella società.

Alunni con disabilità, diritto ad usufruire delle terapie ABA durante la permanenza a scuola
La tutela dei diritti degli alunni disabili e in particolare di quelli con disturbi dello spettro autistico nonostante tutti gli sforzi del Ministero, è oramai affidata anche alla giurisprudenza amministrativa e costituzionale. L’Ordinanza del Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) della Campania, del 22 ottobre scorso N. 01966/2020, ha accolto il ricorso della ANGSA Campania, riconoscendo il diritto dei minori con autismo a fruire delle “terapie ABA” e quindi dei terapisti anche durante l’orario scolastico.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)
Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).

Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it

Seguici anche su Facebook.

Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

 

Ultimo aggiornamento il 23 Novembre 2020 da simona