Newsletter del centro Informare un’h, 20 giugno 2018

Toscana, arriva l’Infermiere di Famiglia e di Comunità
È stata istituita, in Toscana, la figura dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità, un professionista responsabile della gestione dei processi infermieristici in ambito familiare per aiutare le persone e le famiglie a trovare le soluzioni ai loro bisogni di salute, e a gestire le malattie croniche e la non autosufficienza.

Il Garante delle persone private della libertà personale contro la segregazione dei disabili
Una nota della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap sottolinea l’attenzione al tema della segregazione delle persone con disabilità nella Relazione annuale del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale. Un’attenzione che scaturisce dal prezioso lavoro di raccolta dati, approfondimento ed analisi svolto dalla FISH che mostra come il fenomeno della segregazione delle persone con disabilità sia una realtà ancora molto diffusa nel nostro Paese.

Le opportunità del turismo accessibile
Dove sta bene una persona con disabilità stiamo meglio tutti», spiega Pier Angelo Tozzi, presidente Consulta Provinciale Disabilità di Massa-Carrara, nel presentare il convegno, organizzato dalla stessa Consulta in collaborazione con altri enti, “Le opportunità del turismo accessibile”, che si svolgerà a Pontremoli il prossimo 22 giugno.

Per una scuola realmente inclusiva anche nei fatti
«Nonostante le recenti norme sull’inclusione – scrive Gianluca Rapisarda – e nonostante il Contratto di Governo del nuovo Esecutivo, permangono alcune lacune, sia sulla specializzazione dei docenti, sia sulla continuità didattica, che rischiano di far rimanere sulla carta ogni buon proposito. L’auspicio è dunque che il nuovo Governo affronti una questione delicata come quella dell’inclusione scolastica con una visione organica, con azioni di sistema e a lungo termine e, soprattutto, applicando una volta per tutte nei fatti i princìpi della nostra avanzata e invidiata legislazione inclusiva».

Lavoro e cura, oltre 3 mila associazioni aspettano la “direttiva” per la conciliazione
Lettera aperta al Parlamento europeo di 3.471 associazioni e 89 sindacati: “si adotti una posizione comune sulla proposta di una direttiva sul ‘work-life balance’, a sostegno di tutte le persone che si dividono tra lavoro e cura.

Due anni di dopo di noi: Anffas fotografa l’impatto della legge
A due anni esatti dall’approvazione della legge, la Fondazione Nazionale Anffas Dopo di NOI presenta una ricerca empirica che fotografa l’impatto della norma. Solo il 40% delle Associazioni dichiara che nella propria Regione ci sono stati i bandi per accedere alle risorse, per 344 richieste di contributo mappate. Il 39% delle associazioni Anffas ha già attivato un progetto coerente con la legge 112/2016. Alta la consapevolezza che la de-istituzionalizzione è un cambio di paradigma che si può realizzare solo lavorando in sinergia. L’intervista a Emilio Rota.

Durante e dopo di noi: le fondazioni di partecipazione emiliano-romagnole
Paolo Pantrini riprende il tema “Durante e Dopo di noi” riportando i risultati della ricerca contenuta all’interno del Terzo Rapporto sul secondo welfare in Italia. L’indagine in questione – realizzata attraverso interviste ad operatori e dirigenti di sette fondazioni di partecipazione – si è proposta di descrivere iniziative e servizi in corso al momento dell’approvazione della norma, quindi preesistenti all’entrata in vigore della legge 112/2016 “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare”.

“Da assistiti a contribuenti”, ecco i lavoratori con sindrome di Down
Creare posti di lavoro, valorizzare le potenzialità, sensibilizzare le aziende: sono gli obiettivi del progetto di Aipd “Lavoratori con sindrome di Down: da assistiti a contribuenti”, finanziato dal Dipartimento per le pari opportunità.

Roma, ‘bus non accessibili a disabili’: Flixbus condannata per condotte discriminatorie
L’azione giudiziaria promossa dall’associazione Luca Coscioni che chiede al Governo di effettuare controlli su tutte le linee.

Accessibilità web e mobile, le regole in Europa e in Italia
Da anni il parlamento e il consiglio europeo lavorano per migliorare l’accessibilità del web e dei servizi digitali. Ci sono due direttive, che l’Italia dovrà recepire. L’ultimo tassello è l’aggiornamento delle regole tecniche compiuto da W3C.

Roma, al St. Regis sfila l’Alta Moda: modelle con disabilità da tutto il mondo
Top model con corpi unici: sfilano con le protesi o sulla sedia a rotelle. Sulla passerella della St. Regis Rome, venerdì 15 giugno, sono arrivate modelle da tutto il mondo e hanno indossato i vestiti made in Italy di Renato Balestra, Carlo Pignatelli, Giada Curti e Gianni Sapone. Una serata organizzata dalla società Iulia Barton – Inclusive Fashion Industry che vuole estendere l’alta moda anche a chi di solito ne è escluso: nel 2015 ha preso parte per la prima volta alla settimana della moda di Milano, la più importante manifestazione d’Italia del settore. Durante la serata romana, carrozzine e protesi sono diventate un tutt’uno con l’abito e con il portamento elegante dell’indossatrice per dar vita a uno dei fashion show più esclusivi della moda internazionale.

È necessaria un’alleanza tra donne (e tra Comitati ONU)
«Adottare misure mirate per promuovere l’accesso delle donne con disabilità all’istruzione inclusiva, al mercato del lavoro aperto, alla salute, compresi i diritti e la salute riproduttiva e sessuale, alla vita pubblica e sociale e ai processi decisionali»: non è la Convenzione ONU sulla Disabilità a chiederlo, ma il Comitato che vigila sull’applicazione della Convenzione ONU contro la discriminazione delle donne. Ed è l’importante segnale di un intreccio sempre più profondo di diritti, che richiede una grande alleanza tra donne, tutte le donne, e tra gli stessi Comitati delle Nazioni Unite.

In una graphic novel la differenza invisibile delle donne Asperger
Circa un anno fa veniva pubblicata la graphic novel “Marguerite” di Julie Dachez. Ora è disponibile l’edizione italiana. È una storia che accomuna molte donne non sanno di essere Asperger perché diagnosticare la sindrome tra il genere femminile è complesso. Le donne sono capaci di adattarsi e di nascondere i loro problemi, non sempre riescono a comprendere il reale motivo delle loro fatiche quotidiane: le sottovalutano e la società le ignora.

Io, primo testimonial anti cancro ancora malato
Matteo Losa ha 35 anni, da 12 lotta contro un tumore, ed è testimonial di Airc. «La sua storia è straordinaria perché dimostra quanto sia importante la ricerca. È riuscito a passare indenne attraverso una serie di prove impressionanti, ha imparato a convivere con la malattia ma anche con l’idea di essere malato», sottolinea il direttore scientifico dell’associazione Federico Caligaris Cappio.

Giornalista e non vedente? No problem
La storia di Maurizio Molinari addetto stampa del Parlamento Europeo in Italia. Laurea alla scuola interpreti, scuola di giornalismo a Urbino e un master a Liverpool. «La mia fortuna? Non essere entrato in Rai. Così ho lavorato tre anni alla Bbc».

Istat. In aumento nel 2017 (+8%) le spese per la salute delle famiglie. E dove ci sono anziani la spesa sanitaria incide di più
La spesa per la salute incide di più nelle famiglie di anziani rispetto a quelle di giovani, arrivando a pesare il 6,9% tra i single anziani (circa 3,5 volte di più dell’1,9% dei single con meno di 35 anni) e il 6,7% tra le coppie di anziani senza figli (quasi il doppio rispetto al 3,5% che si osserva se la persona di riferimento della coppia senza figli ha meno di 35 anni).

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità,
Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) sezione di Pisa.

Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it
Seguici anche su Facebook.

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.