Newsletter del centro Informare un’h, 22 novembre 2018

Le donne con disabilità nel Rapporto ombra sull’applicazione della Convenzione di Istanbul
Lo scorso 29 ottobre 2018 è stato trasmesso al GREVIO (il Gruppo di esperti/e sulla lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica del Consiglio d’Europa) il Rapporto delle associazioni di donne sull’attuazione della Convenzione di Istanbul in Italia (il cosiddetto Rapporto ombra). In esso, pur con qualche lacuna, le esigenze delle donne con disabilità vittime di violenza hanno trovato un’apprezzabile attenzione. Tuttavia sarebbe necessario lavorare di più sull’autorappresentazione delle donne con disabilità.

Tutto quel che si deve fare, per una reale e concreta Vita Indipendente
«Chiediamo – scrivono tra l’altro da ENIL Italia (European Network on Independent Living) – di superare, dopo cinquant’anni di applicazione nel mondo occidentale e dopo quasi un trentennio in Italia, l’attuale fase di “sperimentazione” e di passare all’esigibilità del diritto di tutte le persone con disabilità che lo scelgono, di poter liberamente assumere assistenti personali autonomamente gestiti, con un modello di progetto personalizzato e autorganizzato mediante l’istituzione di un apposito e adeguato fondo governativo».

Manifestazione di protesta in Toscana per la vita indipendente
«Occorre che la Regione Toscana aumenti la spesa per la vita indipendente delle persone con disabilità grave»: è sostanzialmente questa l’istanza che, a Firenze, ha portato i rappresentanti di varie Associazioni della Toscana a protestare davanti alla sede del proprio Consiglio Regionale, «perché – dichiarano – se la Regione non innalzerà il finanziamento, i disabili gravi si ritroveranno costretti e rinchiusi in istituti contro la propria volontà, ritornando indietro di molti anni».

Un seminario, a Lucca, per parlare di amministrazione di sostegno
Dopo i temi dell’integrazione scolastica e dell’accesso alle cure delle persone con disabilità, il terzo dei sei seminari organizzati, da ottobre a dicembre, da DIPOI, il Coordinamento toscano delle organizzazioni attive nel durante e dopo di noi, in collaborazione con il CESVOT (Centro servizi per il Volontariato Toscana), affronterà il tema de “L’amministrazione di sostegno” quale strumento a supporto per le persone con disabilità. L’evento si terrà a Lucca il prossimo 7 dicembre.

Disabilità intellettiva, emergenza, sicurezza
Realizzato nell’àmbito dell’omonimo progetto del Centro Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno, “Sicuramente Abili. Disabilità intellettiva, emergenza, sicurezza” è un video pensato in particolare per le persone con disabilità intellettiva, che spiega come agire e come comportarsi in caso di rischio incendio, elettrico, chimico. Anna Contardi, coordinatrice dell’AIPD Nazionale (Associazione Italiana Persone Down), ha fornito la consulenza per i testi ad alta comprensibilità, mentre i giovani e gli operatori dell’AIPD di Belluno hanno testato il video.

Dopo di noi, in Toscana 170 abitazioni per 1.300 disabili
Progetto della Regione grazie al quale imparano a vivere da soli. E’ stata realizzata una specifica mappatura dei progetti nella regione che consentirà la geolocalizzazione di tutti le iniziative sul territorio.

6 cose da sapere per spiegare la disabilità ai bambini
Al parco giochi: Una bimba si avvicina, indica la sedia a rotelle di M. e mi chiede: “Cosa è?”. Le dico che M. non cammina ma grazie alla seggiolina può spostarsi velocemente da sola, nello stesso modo con cui G. si sposta con la bici. La bimba è soddisfatta della risposta, non fa una piega (ed in effetti, perché dovrebbe?) e si mette a raccontarmi del suo gioco preferito.

Da Esselunga 85mila euro per i parchi giochi accessibili
Esselunga e i suoi clienti hanno sostenuto il progetto “Giocando si impara” per realizzare il diritto al gioco di tutti i bambini promuovendo la realizzazione di giostre accessibili nelle aree verdi.

Così anche i ciechi potranno leggere le formule della matematica
Progetto di un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Matematica dell’Università di Torino.

Presentati i risultati: coinvolte 54 persone disabili, a 41 aziende un “riconoscimento etico”
Una rete fra istituzioni, aziende, volontariato e cooperative del territorio senese per creare percorsi efficaci di accompagnamento al lavoro e di inclusione sociale delle persone disabili. Questo, in sintesi, il Progetto ASSIST (Azioni di Sistema in area Sene­se per l’Inserimento al lavoro e l’Inclusione di sog­geTti vulnerabili), finanziato dal Fondo Sociale Europeo- POR 2014-2020, i cui risultati sono stati presentati il 13 novembre dal Presidente della Società della Salute Senese Giuseppe Gugliotti, in un incontro pubblico presso l’Auditorium della Banca CRAS a Sovicille alla presenza di tutti i soggetti coinvolti.

Firenze, disabili e migranti insieme a scuola di cucito
Si chiama “Aiutaci a cucire il futuro” ed è il progetto della cooperativa fiorentina Il girasole che intende realizzare un laboratorio di pelletteria rivolto a persone con disabilità fisica e mentale aperto anche ai richiedenti asilo e ai giovani studenti.

Come proteggere la scienza (con la S maiuscola) ai tempi dei social media e delle fake news
L’informazione scientifica, quella buona, come anche quella cattiva, possono essere entrambe amplificate dai social media. Nessuno può dunque più permettersi di ignorarli perché sono una fonte potenziale e pericolosissima di fake news, vista la loro penetrazione nella popolazione (solo Facebook in Italia ha oltre 34 milioni di account). Jama di questa settimana propone un’interessante riflessione sull’argomento.

Celiachia. Pronto un nuovo test
Il nuovo test migliorerebbe l’accuratezza diagnostica e il monitoraggio dell’attività della celiachia e potrebbe, in futuro, evitare ai pazienti procedure invasive non necessarie.

Autismo, affettività e sessualità: un progetto con le coppie tutor
Verranno presentati il 26 novembre a Roma i risultati di “Autismo, Affettività e Sessualità: la coppia tutor come modello di comportamento adattivo”, progetto innovativo e di grande interesse, voluto, come spiegano i promotori, «per verificare l’efficacia di un intervento rivolto a coppie di persone con autismo e mediato da una coppia di operatori che faccia da modello nell’apprendimento di comportamenti sociali e relazionali». Sostenuta dalla Tavola Valdese, l’iniziativa è stata ideata e condotta dall’Associazione Gruppo Asperger, in collaborazione con la Cooperativa Sociale Giuliaparla.

Sensuability & Comics, il concorso che racconta sessualità e disabilità
L’iniziativa è la seconda tappa del progetto ideato dall’associazione Nessunotocchimario con l’obiettivo di abbattere gli stereotipi relativi alla sessualità e alla disabilità. I premi saranno assegnati durante la mostra di fumetti che si terrà a Roma il 14 febbraio 2019.

La moda accessibile e il diritto di piacersi, tra novità e pregiudizi
«Per molti anni – esordisce Stefania Delendati, in questo approfondimento dedicato alla “moda accessibile” – la tuta da ginnastica è stata la “divisa” delle persone con disabilità. È stato così almeno fino a quando la disabilità è stata l’equivalente della malattia, argomento poco incline a sposare l’estetica e il piacere di sentirsi belli fuori, perché un disabile dev’essere “bello dentro” d’ufficio e questo gli deve bastare… Nel corso del tempo, però, nell’aria ha iniziato lentamente a soffiare una brezza nuova…».

Prima Celebrazione Eucaristica diocesana tradotta nella Lingua Italiana dei Segni
Accade ad Andria, in Puglia, con l’obiettivo di rendere la Chiesa diocesana una comunità realmente inclusiva, nella quale ci sia posto per tutti.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) sezione di Pisa.
Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it
Seguici anche su Facebook.

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.