Newsletter del centro Informare un’h, 31 gennaio 2018

Toscana: contributi per favorire la mobilità individuale delle persone con disabilità
La Regione Toscana istituisce, in via sperimentale, per il 2018, un fondo di 200.000 euro finalizzato ad erogare contributi finanziari per acquistare o modificare autoveicoli utilizzati da persone con disabilità, o per il conseguimento della patente speciale. La stessa norma si prefigge di favorire l’attivazione da parte dei comuni di progetti pilota per predisporre un servizio di “car sharing” gratuito per le persone con disabilità. Il regolamento attuativo dovrà essere definito entro la fine di aprile.

Blindsight Project ratifica il Manifesto delle donne disabili e commenta il silenzio sulla violenza del Programma d’azione sulla disabilità
Segnaliamo con piacere la ratifica da parte dell’associazione Blindsight Project del “Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea”, e diamo spazio alle parole della sua presidente, Laura Raffaeli, che commenta con grande amarezza il silenzio del Programma d’azione sulla disabilità sul tema della violenza di genere.

Il Codice dei diritti degli indifesi
Si intitola “Codice dei diritti degli indifesi”, è curato dall’Ordine degli avvocati di Milano, e raccoglie in una sorta di “catalogo” tutti i provvedimenti normativi inerenti tre tipologie di soggetti considerati deboli: le persone con disabilità, minori e vittime di violenza.

Al via la quinta edizione del concorso nazionale “Autismo è…”
L’Associazione Autismo Fuori dal Silenzio promuove la quinta edizione del concorso nazionale “Autismo è…”. L’iniziativa si rivolge agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado di tutto territorio nazionale, ed ha l’obiettivo di favorire lo sviluppo di una maggiore consapevolezza dei giovani sull’autismo e promuovere una sensibilizzazione al problema volta ad agevolare l’integrazione dei ragazzi affetti da autismo nei contesti di vita quotidiani.

Parte “Pensati con il cuore”, la raccolta fondi per Casa Clementina
Casa Clementina è un ambiente che permette ad una ventina di ragazze e ragazzi con disabilità di sperimentare percorsi di autonomia personale e vita indipendente. Essa rappresenta anche la prima esperienza realizzata nella provincia di Siena per il Durante e Dopo di Noi. Le tre associazioni che la gestiscono – l’Associazione Le Bollicine, l’Associazione Senese Down (ASEDO) e la Pubblica Assistenza di Siena – hanno lanciato una raccolta fondi volta a realizzare uno spazio polifunzionale accessibile anche a persone con disabilità motoria, e ad apportare alcune migliorie alla cucina.

“Nella casa di Dorothy”, la chat per il dopo di noi creata da una mamma
Tiziana Valsecchi è la mamma di una bambina con autismo: “Quando ho avuto la diagnosi, ho provato un forte senso di solitudine”. Da qui è nata l’idea di avviare un dialogo virtuale con altre famiglie nelle stesse condizioni. “Ora si è creato anche un legame di amicizia reale”.

Progettare “Durante Noi” il cosiddetto “Dopo di Noi”: leggi, servizi, risorse
Costruire nel “Durante Noi” il cosiddetto “Dopo di Noi”, basandosi su tutto quello che compone la vita presente e passata di un giovane o di un adulto con disabilità, per utilizzare al meglio le risorse, i servizi e le leggi, pianificando insieme agli specialisti un progetto di vita di qualità e sostenibile nel tempo: ruoterà sostanzialmente attorno a questo il nuovo corso informativo e formativo proposto a Milano dall’Associazione InCerchio per le Persone Fragili, in collaborazione con la Fondazione Pio Istituto dei Sordi, che ha preso il via il 30 gennaio.

Centimetro zero, la locanda del Terzo Settore
Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno. La struttura è la prima del genere nelle Marche e spicca tra le esperienze a livello nazionale perché i ragazzi che ci lavorano, età media 30 anni, tutti con disabilità, in prevalenza mentale, l’hanno costruita da zero, con le loro mani, insieme agli operatori, seguendo specifici percorsi formativi. 

No a bandi e appalti: i dispositivi per disabili gravi nei Lea siano scelti ad personam
Aggiornamento dei Lea: il 28 febbraio ultima data utile per il Governo per inserire nella lista alcuni ausili indispensabili per le persone disabili gravi, peraltro già previsti dalla legge. Sono 12 tipi di dispositivi, dalle protesi acustiche alle carrozzine elettroniche e superleggere, dagli stabilizzatori ad ausili per bambini. L’appello dell’associazione Coscioni.

Malattie Rare: si potrà chiedere un consulto da casa propria
«Sarà disponibile via web a tutte le persone con Malattia Rara o con un sospetto di Malattia Rara, permettendo loro di richiedere un consulto, comodamente da casa propria, attraverso un sistema di video-conferenza e video-consulto, con una rete di professionisti in diversi settori, oltreché con persone che hanno già affrontato l’esperienza di vivere con una Malattia Rara»: è l’innovativo servizio RINGS, che partirà entro breve in via sperimentale e che UNIAMO-FIMR, la Federazione Italiana Malattie Rare, presenterà il 31 gennaio a Milano.

Piano nazionale cronicità: si è insediata la Cabina di Regia che dovrà monitorarne l’attuazione e l’implementazione
Si è insediata, anche se con un po’ di ritardo rispetto alle previsioni del Piano nazionale cronicità, la Cabina di regia che ha il compito di coordinare a livello centrale l’implementazione del Piano e monitorarne l’applicazione e l’efficacia. A presiederla il direttore generale della Programmazione del ministero della Salute Andrea Urbani.

Volontariato, le cinque parole per affrontare le sfide del 2018
Coraggio, trasparenza, continuità, partecipazione e relazione: non concetti astratti, ma azioni e obiettivi concreti. Per Stefano Tabò, presidente di Csvnet, sono questi gli hashtag per il volontariato che verrà.

Disabilità, una stanza multisensoriale per gli ospiti del centro diurno L’Onda
È una stanza al buio, dove effetti luminosi, colori, suoni, musiche e profumi trasmettono a chi la vive serenità e benessere. Un luogo dove gli operatori del centro di Lucca guidano gli ospiti in un percorso di stimolazione che produce effetti benefici sull’umore e sul comportamento.

Opg, dopo la chiusura nasce l’Osservatorio sulle Rems
La campagna StopOpg rilancia la propria attività di monitoraggio sulle residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza avviata con il “Viaggio nelle Rems”. Ad oggi sono 600 le persone ospitate nelle strutture, meno della metà degli internati degli Opg del 2011.

Più facile girare in città e sul bus per i non vedenti una app gratuita con guida vocale
Firenze. Un percorso personalizzato per raggiungere la stazione, la strada più agevole per tornare a casa e poi, la possibilità di condividere la propria posizione con un numero selezionato di contatti. Arriva “Occhio della città intelligente”, una nuova app che permette a persone con ridotta capacità visiva di muoversi autonomamente nelle aree urbane, sia a piedi che con i mezzi pubblici.

5 cose da non fare per avere un bagno accessibile
Le ha individuate Architutti, un gruppo di architette col pallino della progettazione per tutti, partendo dalla propria esperienza professionale.

L’assunzione obbligatoria dei disabili scatena la rivolta delle piccole imprese
Da gennaio anche le aziende dai 15 ai 35 dipendenti devono avere in organico i portatori di handicap. Confindustria: “L’imposizione non agevola l’inserimento mirato”. Gli invalidi: “Nessuno ci vuole”.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.

 

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) sezione di Pisa.

Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it

Seguici anche su Facebook.

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.”