Newsletter del centro Informare un’h, 7 marzo 2019

Donne con disabilità, serve una riflessione articolata
Mentre la Giornata internazionale della donna si avvicina, fa piacere constatare come anche le donne con disabilità siano considerate all’interno di una ritualità collettiva. Questo dato ha un importantissimo significato simbolico nel promuovere la loro inclusione anche a livello culturale. E tuttavia, passata la ricorrenza dedicata, è necessario andare oltre il rito e dare risposte concrete alle loro istanze, e per farlo serve una riflessione articolata, che tenga conto delle tante variabili che entrano in gioco.

Donne con disabilità: i dati della discriminazione multipla
In occasione della Giornata internazionale della donna la FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap ha diramato una serie di dati relativi alla discriminazione multipla delle donne con disabilità, quella dovuta al loro essere simultaneamente donne e persone con disabilità. Violenza, salute e lavoro sono le aree maggiormente interessate.

2 aprile, grande manifestazione, a Firenze, per la Giornata mondiale per l’autismo
Sarà «una manifestazione esterna, colorata, visibile», quella che il Coordinamento regionale delle Associazioni Toscane Familiari con Autismo sta organizzando a Firenze per il prossimo 2 aprile, ricorrenza della Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo, «un momento per farsi conoscere senza imbarazzi e senza barriere», spiegano dal Coordinamento, del quale, ben volentieri, ospitiamo il comunicato.

Il Libro Bianco sulla “Legge del Durante e Dopo di Noi”
È disponibile a tutti il Libro Bianco con le proposte per il concreto miglioramento della Legge 112/16, meglio nota come “Legge sul Dopo di Noi” (o anche sul “Durante e Dopo di Noi”). Promosso da UNIAMO-FIMR (Federazione Italiana Malattie Rare), il documento è stato realizzato a più mani, nell’àmbito del Progetto “Social Rare – Quadro sociale, nuove azioni e proposte per i Malati Rari”, con il contributo, tra gli altri, dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) e del Consiglio Nazionale del Notariato.

Civico 34: l’orgoglio di dire “vieni a cena da noi”
Il 2 marzo Anffas Macerata inaugura “Civico 34″, un appartamento per il dopo di noi finanziato con i fondi della legge 112/2016. Ci vivranno Luca, Paolo M., Paolo S. e Mariano: uno di loro, prima, a nemmeno 50 anni viveva in casa di riposo insieme alla madre. «In questi giorni vedo in loro un atteggiamento nuovo: ogni persona che arriva, la invitano a vedere la loro casa, sono orgogliosi», afferma il presidente Marco Scarponi.

Disabilità e Reddito di cittadinanza: novità dal Senato
L’analisi di HandyLex sulle modificazioni introdotte dal Senato al decreto legge sul Reddito di Cittadinanza ora all’esame della Camera. Per le persone con disabilità la sostanza rimane immutata, nonostante alcuni annunci di segno opposto, come pure le criticità.

Reddito di cittadinanza: le Federazioni FAND e FISH rilanciano alla Camera
«Il testo di quel Decreto Legge conserva ancora tutte le criticità già da noi rilevate. Ribadiamo quindi con fermezza la necessità sia di eliminarne quei passaggi che rendono il reddito di cittadinanza meno vantaggioso per le persone con disabilità, sia di migliorarne le regole di accesso, riconoscendo che la disabilità è troppo spesso causa di impoverimento»: lo hanno dichiarato le delegazioni delle Federazioni FAND e FISH, nel corso di un’audizione presso le Commissioni Riunite Lavoro e Affari Sociali della Camera, a proposito del Decreto Legge su reddito di cittadinanza e pensioni.

Convenzione ONU dieci anni dopo
Nel marzo di quest’anno la versione italiana della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità compie idealmente 10 anni. La legge 18 che la ratifica fu approvata il 3 marzo del 2009, meno di tre anni dopo l’approvazione da parte dell’ONU (13 dicembre 2006). Un passaggio politicamente importante per il movimento internazionale delle persone con disabilità e un traguardo che sancisce come esse siano innanzitutto cittadini, non malati, non incapaci. 

Disabilità, 10 anni fa l’Italia ratificava la Convenzione Onu
Giampiero Griffo, di recente nominato coordinatore del Comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio nazionale sulle disabilità, evidenzia obiettivi raggiunti e lacune da colmare: “Il modello medico va superato, sostituito dall’approccio dei diritti e della cittadinanza”.

Ai disabili non servono né buonismo né cattivismo
I due termini hanno inquinato ogni dibattito, anche quello relativo ai portatori di handicap. Cominciamo ad abolirli e ad agire concretamente analizzando le vere criticità.

Toscana, sono oltre mille gli studenti disabili iscritti all’Università
Diminuiscono gli iscritti complessivi alle Università toscane, ma aumentano gli studenti disabili: sono 1.164 quelli che frequentano gli istituti universitari della regione. E’ quanto emerso alla quarta conferenza regionale sulla disabilità.

Assistenza igienica agli alunni con disabilità: le norme parlano chiaro
«Sino a quando rimane in vigore l’attuale normativa, siete tenuti a rispettarla ed eseguirla, pena il rischio di inottemperanza ai vostri doveri d’ufficio»: così Salvatore Nocera risponde a un gruppo di collaboratrici e collaboratori scolastici, protagonisti, con lo stesso Nocera, di uno scambio epistolare, nel quale dichiarano il loro rifiuto di prestare assistenza igienica agli alunni con disabilità e di volersi battere contro tale obbligo, stabilito dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro del settore scuola.

Era digitale e servizi per le persone con disabilità   
I progressi tecnologici nei settori dell’intelligenza artificiale, della robotica, delle interfacce uomo-macchina e delle comunicazioni stanno sollecitando le persone con disabilità, i loro caregiver e il mondo dei servizi a un forte cambiamento culturale e nei comportamenti. Sul mercato sono presenti tecnologie, mature e semplici, integrabili in servizi assistenziali innovativi. La loro applicazione necessita di nuove o adattate mansioni e maggiori competenze da parte degli operatori e utilizzatori finali. Nonostante il fermento e il crescente interesse di attori e decisori, sembra mancare una strategia e una policy adeguata.

Legge Basaglia, le cooperative? “Veicolo per promuovere la deistituzionalizzazione”
L’analisi di Franca Guglielmetti, attuale presidente di Cadiai che, negli anni successivi alla riforma psichiatrica, lavorava come pedagogista nei servizi. “Assistiamo a un ritorno alla medicalizzazione e il loro impegno è tutelare quanto conquistato allora”.

Bambini affetti da autismo: la ASL è obbligata a sostenere le spese della terapia ABA
La ASL deve sostenere le spese per la terapia cognitivo-comportamentale ad indirizzo ABA a favore dei minori affetti dal disturbo dello spettro autistico, data la carenza di strutture pubbliche o convenzionate specializzate. È quanto affermato recentemente dal Tribunale di Roma con ordinanza del 9.10.2018 con la quale è stato riconosciuto il diritto all’erogazione di una prestazione sanitaria a carico del Servizio Sanitario Nazionale attesa l’evidenza scientifica di un significativo beneficio in termini di salute.

Bambino autistico accolto in squadra: è festa grande per il Grignano con il sindaco e i vertici del calcio pratese
Dopo la storia raccontata dalla madre del piccolo a Notizie di Prato tutta la città ha voluto esprime il suo ringraziamento alla società calcistica.

Poliomielite. Oms: “Non cadere nell’autocompiacimento. Il virus colpisce ancora”. Ecco dove sono ancora attivi i focolai d’infezione
Il rapporto alla 20ª riunione del comitato di emergenza sulla diffusione internazionale del poliovirus. Finché un bambino singolo rimane infetto, i bambini in tutti i paesi sono a rischio di contrarre la polio. La mancata eradicazione della polio da queste ultime roccaforti rimanenti potrebbe comportare fino a 200.000 nuovi casi ogni anno, entro 10 anni, in tutto il mondo. Afghanistan, Pakistan e Nigeria i Paesi ancora a rischio endemico.

Demenza. Dalla Federazione Alzheimer arriva la guida al linguaggio corretto
“Demenza: le parole contano”, una guida che la Federazione ha preparato per le Comunità ma anche per chiunque desideri impegnarsi a scegliere con cura le parole da utilizzare quando parla di demenza e di persone con demenza. L’essere “amico della demenza” e il “fare rete” in una Comunità parte infatti anche da un “uso appropriato, inclusivo e non stigmatizzante del linguaggio, che non ferisca chi vive ogni giorno a contatto con la demenza”.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) sezione di Pisa.

Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it
Seguici anche su Facebook.

Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.