Menu Chiudi

Presentata a Firenze la seconda edizione di “Pittura in punta di dita”

Martedì 30 maggio è stata presentata a Firenze la seconda edizione del progetto di mostra tattile denominata “Pittura in punta di dita“. Le opere, accessibili sia alle persone cieche che a quelle ipovedenti, sono state realizzate dagli studenti del Liceo Artistico di Porta Romana di Firenze.

 

Alcune mani esplorano uno dei quadri tattili realizzati per la mostra denominata "Pittura in punta di dita".
Alcune mani esplorano uno dei quadri tattili realizzati per la mostra denominata “Pittura in punta di dita”.

Martedì 30 maggio è stata presentata a Firenze la seconda edizione del progetto di mostra tattile denominata “Pittura in punta di dita“. I quadri tattili sono stati realizzati dagli studenti del Liceo Artistico di Porta Romana di Firenze nel Laboratorio di tecniche pittoriche e artistiche diretto da Gianfranco Terzo, anche grazie alla collaborazione di alcuni componenti dell’Unione Italiana Ciechi (UIC). Oltre a Gianfranco Terzo, ai suoi studenti, ed agli esponenti della sezione provinciale di Firenze dell’UIC, all’inaugurazione hanno preso parte il direttore della Galleria degli UffiziEike Schmidt, le responsabili dei servizi educativi Silvia Mascalchi e Isabella Puccini, e la dirigente scolastica del Liceo Artistico di Porta Romana Angela Pecetta.

In specifico sono stati realizzati sette quadri tratti da opere del Cinquecento e del Seicento. La tecnica di riproduzione impiegata presenta dei tratti innovativi perché oltre a riprodurre in bassorilievo le opere in questione, ha prestato attenzione alla colorazione delle opere stesse, un accorgimento che le rende fruibili anche dalle persone ipovedenti. Per mettere a punto questa tecnica gli studenti sono stati bendati e stimolati ad interpretare i quadri a partire delle esigenze delle persone cieche. Oltre che sul bassorilievo e sul contrasto cromatico, gli studenti hanno lavorato per rendere gradevoli al tatto le superfici, e per far sì che i colori fossero omogenei e resistenti allo sfregamento dei polpastrelli. Le opere possono essere fruite grazie all’impiego di guanti monouso ed alla presenza di didascalie in Braille (disponibili sia in italiano che in inglese).

Le nuove opere vanno ad aggiungersi agli altri cinque quadri tattili donati in occasione della precedente edizione della mostra (inaugurata nel dicembre 2014), e rappresentanti le Madonne arcaiche in trono della collezione medioevale della Galleria degli Uffizi. (S.L.)

 

Per approfondire:

”Pittura in punta di dita”, quadri tattili degli studenti del Liceo di Porta Romana agli Uffizi, Webzine del Portale Giovani del Comune di Firenze, 30 maggio 2017.

 

 

Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2017

Ultimo aggiornamento: