Toscana, ripartito il Fondo per il “Dopo di noi”

Con propria Delibera la Regione Toscana ha provveduto ad assegnare e ripartire il Fondo per il “Dopo di noi”. Lo stanziamento complessivo è di quasi 3 milioni e mezzo di euro.

 

Una giovane con disabilità motoria utilizza un computer portatile.

Una giovane con disabilità motoria utilizza un computer portatile.

Con la Delibera della Giunta Regionale Toscana n. 1106 del 2 settembre 2019 (e relativo Allegato A), la Regione ha provveduto ad assegnare e ripartire le risorse per il “Dopo di noi” alle Società della Salute o (qualora non presenti nel territorio) alle Zone Distretto delle Aziende Sanitarie. Lo stanziamento complessivo è di quasi 3 milioni e mezzo di euro (3.447.863 euro): 3.117.100 euro provenienti dal Fondo nazionale per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare previsto dalla Legge 112/2016, e 306.600 euro stanziati dalla Regione.

La Legge 112/2016, meglio nota come Legge sul “Durante e Dopo di noi”, ricordiamolo, disciplina le misure di assistenza, cura e protezione delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori o perché gli stessi non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonché in vista del venire meno del sostegno familiare, attraverso la progressiva presa in carico della persona interessata già durante l’esistenza in vita dei genitori. A seguito di tale Legge, in Toscana sono stati realizzati 28 progetti che coinvolgono 1.380 persone con grave disabilità. (S.L.)

 

Riferimenti normativi:

Delibera della Giunta Regionale Toscana n. 1106 del 2 settembre 2019, Assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare: prosecuzione degli interventi previsti dalla legge 112/2016 e programmati con DGR 753/2017; Allegato A (Assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare – RIPARTO).

Legge n. 112 del 22 giugno 2016, Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare.

 

Ultimo aggiornamento: 9 settembre 2019

Pubblicato in News