Menu Chiudi

Una guida per tornare a sognare, con una vacanza in sicurezza e senza sorprese

«Non ci siamo mai fermati, perché il nostro lavoro è fondamentale per garantire vacanze di qualità a tante persone, e non vogliamo deludere nessuno. Vogliamo infatti ripartire con la nostra voglia di viaggiare, conoscere, incontrare, e tutti insieme tornare a sognare, continuando ad avere certezze su cui basare le scelte di vacanza»: così Roberto Vitali, fondatore e presidente di Village for all (V4A®), la nota rete specializzata in turismo accessibile, presenta l’edizione 2020 della “Guida alle Vacanze Accessibili”, disponibile gratuitamente e contenente anche un “Decalogo del Viaggiatore”.*

 

La copertina della “Guida alle Vacanze Accessibili” di Village for all è illustrata con un uomo in sedia a rotelle che si fa un selfie tra le montagne, il logo dell’editore, l’anno 2020, le scritte “destinazione ospitalità accessibile”, “Italia • San Marino • Croazia”, “Testo semplificato”, “Aggiornamento annuale”.

«In questi mesi – spiega Roberto Vitali, fondatore e presidente di Village for all (V4A®), la nota rete specializzata in turismo accessibile – abbiamo lavorato intensamente per preparare la nuova edizione della nostra Guida alle Vacanze Accessibili e quindi per noi le attività non si sono mai fermate. Sappiamo che il nostro lavoro è fondamentale per garantire vacanze di qualità a tante persone, e non vogliamo deludere nessuno. Vogliamo infatti ripartire con la nostra voglia di viaggiare, conoscere, incontrare, che non ci ha mai abbandonato. Questo input ci è venuto direttamente dalla nostra Community che ci ha spronato affinché tutti insieme potessimo tornare a sognare, continuando ad avere certezze su cui basare le scelte di vacanza».

La Guida alle Vacanze Accessibili 2020 di Village for all, dunque, che si avvale del patrocinio delle principali Federazioni e Associazioni di persone con disabilità (in totale tredici organizzazioni), è completamente gratuita e scaricabile da questo link.

Insieme allo spazio dedicato alle strutture della rete di V4A®, quest’anno la pubblica dedica un focus particolare al tema Benessere e Sport, oltre a contenere un Decalogo del Viaggiatore, con istruzioni e suggerimenti per viaggiare in tranquillità e prevenire ogni possibile imprevisto.
Qualche dato di dettaglio sulla nuova Guida, che in 300 pagine si sofferma su 80 strutture ricettive, su 45 diverse destinazioni turistiche (mare, città d’arte, percorsi slow, laghi, nord, sud, centro ecc.) di 15 Regioni Italiane, ma anche della Croazia e della Repubblica di San Marino. Vi si parla inoltre delle 26 strutture Top premiate con i V4A Awards, iniziativa con cui Village for all conferisce una serie di riconoscimenti a coloro che hanno profuso il proprio impegno nel miglioramento strutturale, nella formazione specifica dei propri collaboratori, nel potenziamento dei servizi e degli strumenti di comunicazione, sempre più orientati al mercato dell’accessibilità (se ne legga già ampiamente anche sul portale «Superando.it»).

E da ultimo, ma non ultimo, “fuori Guida” segnaliamo anche lo Speciale curato sempre da Village for all e dedicato alla località balneare di Bibione (Venezia) (a questo link), premiata quale Destination4All Awards, perché tutto il sistema turistico di essa ha intrapreso un percorso di crescita consapevole a trecentosessanta gradi, non solo dal punto di vista delle dotazioni delle strutture, ma anche della formazione del personale e del modo di comunicare l’accessibilità. A tal proposito va ricordato che il progetto Bibione Destinazione Accessibile è al suo terzo anno di vita e rappresenta un’eccellenza assoluta nel panorama delle destinazioni turistiche italiane ed europee. (Stefano Borgato)

 

Per approfondire

Ricordiamo ancora il link al quale è scaricabile gratuitamente la Guida alle Vacanze Accessibili 2020 di Village for all (V4A®). Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@villageforall.net.

 

* Il presente testo è già stato pubblicato su Superando.it, il portale promosso dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), e viene qui ripreso, con lievi adattamenti, per gentile concessione.

Ultimo aggiornamento: