Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 22 luglio 2021

Vivere per gli altri, da Mill a Genta
John Stuart Mill è stato una delle prime figure che hanno descritto i meccanismi attraverso i quali nelle epoche passate l’educazione a “vivere per gli altri” fosse utilizzata come strumento per conseguire l’asservimento delle donne. Giorgio Genta da circa trent’anni “vive per una donna”, sebbene probabilmente nessuno lo abbia educato a “vivere per gli altri”. Forse un giorno donne e uomini impareranno a realizzare società nelle quali si possa semplicemente “vivere con gli altri”. Società che forniscano alle persone con disabilità gravissima i necessari supporti per vivere dignitosamente, senza costringere le persone che le amano ad annullarsi per sopperire alla mancanza di servizi pubblici (ledendo così sia i diritti delle prime, che quelli delle seconde).

Il contrasto all’abilismo e all’omolesbobitransfobia
L’abilismo, vale a dire la discriminazione nei confronti delle persone con disabilità, e l’omolesbobitransfobia, ossia la discriminazione nei confronti delle persone LGBTQIA+, sono entrambi sistemi oppressivi che mirano a creare gerarchie tra gli individui marginalizzando chiunque non corrisponda ai modelli sociali accettati dalla comunità di riferimento. Chi promuove i diritti umani non può essere neutro riguardo a questi fenomeni. In questo spazio potete trovare un po’ di documenti sul contrasto all’abilismo e all’omolesbobitransfobia, la segnalazione di alcuni gruppi che si occupano di persone con disabilità LGBTQIA+ e di altri enti impegnati nella rivendicazione dei diritti delle persone LGBTQIA+, nonché, infine, altre risorse d’interesse fruibili online.

Tra l’inizio e il fine vita scorre l’esistenza di ogni persona
«Il vero punto in questione è che tra l’inizio e il fine vita scorre l’esistenza di ogni persona, cui va riconosciuta e rispettata la libertà di scelta e di essere così come si è: le battaglie per i diritti o sono per tutti/e o non sono»: interviene così Silvia Cutrera, vicepresidente della Federazione FISH, dando seguito al dibattito scatenato da Enrico Negrotti, che sulla testata «Avvenire» aveva puntato il dito sulla parte riguardante la disabilità nel “Disegno di Legge Zan”, contestando, in particolare, l’appello a un’approvazione rapida dello stesso, lanciato da FISH, ASGI e Rete Lenford.

Il Disegno di Legge Zan e la disabilità: un confronto tra cattolici e non
Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato le osservazioni di Salvatore Nocera e Simona Lancioni riguardo ad un articolo pubblicato l’8 luglio dalla testata «Avvenire», a firma di Enrico Negrotti, articolo centrato principalmente su come il tema della disabilità è stato trattato nel cosiddetto “Disegno di Legge Zan”. Rilanciati sul portale «Superando.it», i due contributi hanno riscosso le critiche di Monica Boccardi e Paolo Cilia del sito «Progetto Autismo». Il loro lungo articolo si può leggere sul sito «Progetto Autismo», mentre pubblichiamo nel sito del centro le controrepliche di Nocera e Lancioni che sono stati chiamati in causa.

I sindaci tengano alta l’attenzione sulle discriminazioni delle persone con disabilità
«Di fatto ancora oggi per le persone con disabilità l’autonomia e la partecipazione alla vita sociale restano un’utopia. È un viaggio ancora lungo da compiere, un percorso di civiltà nel quale Voi Sindaci e Sindache dovete essere una guida coerente, scrupolosa e attenta», è questo uno dei passaggi della lettera che Pier Angelo Tozzi, presidente della Consulta Provinciale delle Persone con Disabilità di Massa Carrara, ha indirizzato ai Sindaci e alle Sindache della Provincia stessa per sollecitarli/e a mantenere alta l’attenzione sui temi legati alla disabilità.

Bando Telethon-UILDM: più di 900mila euro per la ricerca sulle distrofie muscolari
Sono stati annunciati i vincitori del bando clinico Telethon-UILDM 2021: i tre progetti finanziati riguarderanno le distrofie di Duchenne e Becker e coinvolgeranno l’intera rete clinica nazionale.

La Relazione Annuale dell’INPS e la disabilità
Vengono analizzati punto per punto, in un approfondimento del Centro Studi Giuridici HandyLex.org, i vari aspetti della Relazione Annuale dell’INPS, presentata alla Camera dal presidente dell’Istituto Pasquale Tridico, sottolineando anche i passaggi più strettamente concernenti la disabilità. Dal canto suo la Federazione FISH, pur apprezzando quanto espresso nella Relazione in termini di volontà semplificatoria, esprime la propria ferma opposizione all’idea «di rivedere l’assegno di accompagnamento, modulandolo sul reddito».

L’Assistente Educativo Scolastico adesso è tutta un’altra cosa
Nel Vimercatese la cooperativa sociale Aeris ha realizzato un percorso con Social Seed per ridefinire la figura dell’educatore a scuola: dall’assistenza per il singolo studente con disabilità al supporto al gruppo classe. Il prossimo anno sarà l’occasione per allargare il modello ad altre scuole.

Arriva il nuovo Cude: per le persone con disabilità, Ztl accessibili ovunque
I ministri Giovannini e Stefani hanno presentato a Palazzo Chigi la nuova piattaforma, che sarà operativa entro tre mesi: permetterà di condividere i dati per il diritto all’accesso della ztl di tutti i comuni da parte delle persone con disabilità. E Govannini annuncia: “600 milioni alle regioni per nuovi autobus ecologici e accessibili”.

Il manuale dei caregiver familiari
Vari contributi, con la cura di Franco Pesaresi, per occuparsi a tutto tondo della figura del caregiver familiare, offrendo una completa caratterizzazione sul piano culturale, sociale, giuridico ed economico di “colui che quotidianamente si prende cura” delle persone care non autosufficienti. Il tutto per fare uscire tale figura “dalle quinte” e riconoscerne il ruolo complesso e articolato: consiste in questo il recente libro “Il manuale dei caregiver familiari. Aiutare chi aiuta”, pubblicazione decisamente degna di nota, dedicata a un tema sempre più stringente attualità e urgenza.

Noja: «Il 70% delle Rsa continua a vietare visite con green pass, interrogato il Governo»
La capogruppo di Italia Viva in Commissione Affari Sociali alla Camera dei deputati ha presentato un’interrogazione al ministero della Salute per conoscere quali iniziative si vogliano prendere “per assicurare agli ospiti delle Rsa il fondamentale diritto di visita da parte di parenti e familiari”.

La battaglia per fermare l’odio in rete contro le persone con disabilità
Secondo l’osservatorio sui diritti, l’odio in rete si è radicalizzato e indirizzato verso alcune categorie. Come le persone con disabilità. Ecco come lo si sta combattendo.

Salute mentale. Irregolarità nel 22% dei centri ispezionati. Controlli dei Nas in tutta Italia
I Carabinieri dei NAS hanno ispezionato 536 strutture e centri incaricati dell’erogazione di servizi di salute mentale, accertando irregolarità presso 122 di questi. Nel corso delle verifiche sono state comminate 141 sanzioni penali e amministrative per un ammontare complessivo di 62 mila euro. Tra le infrazioni più gravi la contestazione di reati maltrattamento e abbandono di incapaci riscontrati presso due strutture di Agrigento e Sassari i cui gestori sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria. Ma sono stati rinvenuti anche farmaci scaduti e altre criticità.

Indennità di accompagnamento agganciata al reddito? Non c’è nessuna ipotesi in merito
È stata la rassicurazione del Ministro Orlando, durante il Congresso della Fish. Un rappresentante del movimento delle persone con disabilità verrà aggiunto nel Tavolo per la riforma della Non Autosufficienza. «Oggi a differenza di ieri la politica ha capito che deve saper ascoltare chi ha dimostrato di aver autorevolezza nell’interlocuzione».

2021: come distruggere una carrozzina e togliere l’autonomia a una persona
Una donna con disabilità motoria grave, presidente anche di un’Associazione, usa una carrozzina elettrica, altamente personalizzata, studiata sulla sua postura, sulle sue mani, sulla sua forza. Grazie ad essa può esercitare il suo diritto alla libertà e all’autonomia. Tale diritto, però, ha subìto un colpo micidiale qualche giorno fa, quando la sua carrozzina è stata letteralmente distrutta dopo il trasporto nella stiva di un volo Ryanair che doveva portarla in vacanza. Ora il minimo sarà chiedere alla compagnia aerea i danni patrimoniali e quelli non patrimoniali.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF)nel 2011, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).
Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it
Seguici anche su Facebook.
Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

 

Ultimo aggiornamento il 22 Luglio 2021 da simona