Menu Chiudi

Una candidata italiana, per rafforzare i diritti delle donne con disabilità

«L’EWL è l’organizzazione europea che riunisce sotto un’unica voce le diverse caratteristiche espresse dalla società femminile. Come attivista per i diritti umani delle persone con disabilità, sento dunque il bisogno di far emergere la situazione delle donne con disabilità»: lo ha dichiarato Luisella Bosisio Fazzi, componente, tra l’altro, del Consiglio del Forum Europeo sulla Disabilità, presentando la propria candidatura, insieme a quella della donna finlandese con disabilità Pirkko Mahlamäki, al Consiglio dell’EWL, la Lobby Europea delle Donne, in vista delle prossime elezioni di giugno.*

 

Pirkko Mahlamäki (a sinistra) e Luisella Bosisio Fazzi, candidate al Consiglio della Lobby Europea delle Donne.

Segnaliamo con piacere che Luisella Bosisio Fazzi, componente del Consiglio Direttivo dell’EDF, il Forum Europeo sulla Disabilità, oltreché membro del FID (Forum Italiano sulla Disabilità) e del Direttivo della LEDHA, la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità, che costituisce la componente lombarda della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), all’interno della quale fa parte della Giunta Nazionale, è candidata al Consiglio dell’EWL, la Lobby Europea delle Donne, di cui si terranno le elezioni online tra il 4 e il 6 giugno prossimi.
La candidatura di Bosisio Fazzi è in veste di supplente di Pirkko Mahlamäki, donna con disabilità, segretaria generale del Forum Finlandese sulla Disabilità, altra componente dell’Esecutivo dell’EDF, e attualmente già membro del Consiglio e dell’Esecutivo dell’EWL.

«In quanto donna e madre di una persona con disabilità – sottolinea la stessa Luisella Bosisio Fazzi -, ho sempre lottato per garantire che i diritti delle donne e quelli delle donne con disabilità fossero portati all’attenzione della società e della società civile. Credo che l’EWL sia l’organizzazione europea che riesce a riunire sotto un’unica voce le diverse caratteristiche che esprime la società femminile. In qualità, dunque, di attivista per i diritti umani delle persone con disabilità, sento il bisogno di far emergere la situazione delle ragazze e delle donne con disabilità».

In realtà, la rappresentante italiana nell’EDF è già stata impegnata all’interno dell’European Women’s Lobby, nel gruppo di lavoro riguardante la situazione economica e lavorativa delle donne (Feminist Economic Working Group); a tal proposito ritiene questo «un settore molto importante per sviluppare la capacità delle donne di portare un concreto cambiamento in una società di tipo ancora patriarcale, sostenendo in particolare modelli di lavoro inclusivi tra tutte le donne e tra le donne e la società nel suo insieme».

Con la propria esperienza sul campo, nell’àmbito di progetti e corsi di formazione sui diritti umani, sull’integrazione delle politiche riguardanti la disabilità nelle politiche più generali e sulla qualità della vita delle persone con disabilità, in particolare intellettiva, Bosisio Fazzi, se eletta, potrà certamente rappresentare una risorsa importante a livello continentale. Tutti ne possono sostenere la candidatura, contattando la componente italiana dell’EWL (a questo link).

 

Per approfondire, segnaliamo a questo link un testo prodotto dall’EDF, il Forum Europeo sulla Disabilità.

 

* Il presente testo è già stato pubblicato su Superando.it, il portale promosso dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), e viene qui ripreso, con lievi adattamenti al diverso contesto, per gentile concessione.

 

Vedi anche:

EWL – European Women’s Lobby

Sezione del centro Informare un’h dedicata al tema “Donne con disabilità”.

 

Ultimo aggiornamento il 27 Maggio 2021 da simona