Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 6 febbraio 2020

Gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile facili da leggere e da capire
«Il nostro scopo principale è stato quello di rendere protagonisti anche le persone con disabilità intellettive nelle politiche internazionali, e far sì che diventino cittadini con delle responsabilità nei confronti della società»: così l’ANFFAS di Cremona e la Cooperativa Ventaglio Blu della città lombarda presentano la traduzione in linguaggio “Easy to Read” (“facile da leggere e capire”) dei “17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile” presenti nell’Agenda ONU 2030, documento di fondamentale importanza, con numerosi riferimenti espliciti ai diritti delle persone con disabilità.

Differenza Donna divulga i nuovi dati sulle donne con disabilità vittime di violenza
Dalla metà del 2014 a gennaio 2020 sono 143 le donne con disabilità vittime di violenza seguite da Differenza Donna, un’associazione impegnata nel contrasto alla violenza contro le donne, ed hanno un’età media di 37 anni. A distanza di oltre un anno dall’inaugurazione dell’Osservatorio sulla violenza contro le donne con disabilità l’associazione ha divulgato i dati aggiornati.

Lombardia, le proposte per tutelare le donne con disabilità vittime di violenza
Una maggiore accessibilità della campagna antiviolenza “Non sei da sola“, l’inclusione delle donne e delle ragazze con disabilità in ogni campagna di sensibilizzazione, la predisposizione e diffusione di materiale informativo accessibile (formato braille, sottotitoli, lingua dei segni, easy-to-read) su questo tema, formazione a tutti i livelli per la promozione dei diritti e il superamento di stereotipi e miti legati alla disabilità: sono questi alcuni degli interventi richiesti dalla LEDHA (la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità) al Consiglio regionale lombardo affinché nel Piano regionale antiviolenza in fase di definizione vi siano anche specifiche tutele per le donne con disabilità vittime di violenza.

Caregiver familiari: perché non va bene quel Disegno di Legge
Copertura finanziaria non adeguata, contrarietà all’ipotesi di riparto su base regionale del fondo dedicato: sono queste le principali criticità sottolineate dal CONFAD (Coordinamento Nazionale Famiglie con Disabilità), alla vigilia dell’avvio dell’iter, in 11^ Commissione Permanente del Senato, del Disegno di Legge S.1461 (“Disposizioni per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare”). «Chiediamo una legge subito – dichiarano dal Coordinamento – ma che sia seria e dignitosa».

Caregiver familiari, 2 mila questionari per migliorare la legge
Iniziativa dall’associazione Genitori Tosti onlus, che a Roma presenta i primi risultati. “La legge è ritagliata intorno ai bisogni di chi assiste anziani non autosufficienti. Noi vogliamo raccontare un mondo molto più variegato, con bisogni differenti a cui la norma, così com’è, non risponde”.

35 sportelli territoriali per far partire il Dopo di Noi
Anffas lancia il progetto “Liberi di scegliere… dove e con chi vivere”. Gli sportelli faranno la progettazione individualizzata per il concreto accesso alle misure previste dalla legge 112/16, che si è rivelata un punto critico nell’attuazione. Speziale: «la legge da sola, in assenza di adeguati strumenti e modelli da seguire, non è sufficiente a garantire le adeguate risposte attese, con conseguenti discriminazioni».

Epilessia. Per la Giornata Internazionale il Colosseo si illumina di viola
“La Solidarietà Si Propaga #liberalaricerca” è il claim scelto dalla Lice (Lega Italiana Contro l’Epilessia) per la ricorrenza del 10 febbraio. Oltre al Colosseo, per accendere i riflettori sull’epilessia si “vestiranno” di viola numerosi monumenti, nonché luoghi di storia e di cultura. Inoltre, numerosi convegni, open day, spettacoli di musica e teatrali, per sensibilizzare sulla necessità di finanziare la ricerca ma anche di superare i pregiudizi.

Firenze, un ambulatorio dedicato ai pazienti con sclerosi multipla
All’interno del Centro di riabilitazione Villa Il Sorriso, nel presidio San Felice a Ema dell’Azienda Toscana centro, i pazienti con sclerosi multipla e lesioni midollari trovano un ambulatorio dedicato esclusivamente al trattamento dei loro problemi gastrointestinali.

Fontana e tutti i “mal interpretati” sulla pelle della disabilità
«In Emilia-Romagna per la sinistra era l’ultima ancora di salvezza. E’ stata fatta una mobilitazione degna dei tempi andati, si è vista in tv gente di più di 100 anni portata ai seggi, disabili accompagnati con i pulmini». A dirlo è stato il governatore della Regione Lombardia. Le parole pronunciate da Attilio Fontana dopo l’esito delle elezioni regionali emiliano-romagnole hanno fatto discutere gli addetti ai lavori e i cronisti politici, suscitando moltissime reazioni di associazioni, famiglie e persone con disabilità.

Disegnare dopo un tumore, con ironia
Si intitola “Pillole di (T)umorismo” il volume realizzato da Armando Borrelli un grafico e art director che dopo essere stato operato di glioblastoma al cervello ha affrontato la sua esperienza raccontandola attraverso vignette e pensieri che hanno l’ambizione di diffondere un pensiero positivo e colorato. E i colori naturali sono prodotti dall’impresa sociale Agricolori, co-fondata dallo stesso Borrelli.

Il progetto “Città accessibili a tutti”: facciamo il punto della situazione
«La sperimentazione legata a questo progetto aiuta a costruire quel sistema dell’accessibilità che andando oltre il singolo intervento di superamento delle barriere, consente di raggiungere il traguardo più ampio della qualità complessiva e dà forma alle relazioni con le altre reti del benessere (mobilità dolce, abitare, lavoro, prestazioni della città pubblica, ambiente)»: a dirlo è Iginio Rossi, responsabile del progetto “Città accessibili a tutti” dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, con il quale abbiamo parlato dei risultati finora ottenuti dall’iniziativa e dei prossimi obiettivi.

Il Museo degli Innocenti è per tutti: percorsi per persone con disabilità
Il museo fiorentino propone una guida cartacea, percorsi di visita ad hoc e altri strumenti per diventare sempre più accessibile.

I «Progetti Individuali di Vita»: un aiuto concreto per i disabili
Si tratta di prestazioni e interventi previsti dalla legge che dovrebbero accompagnare la persona con disabilità per sempre. Ancora pochi però ne conoscono l’esistenza.

Disturbi Specifici dell’Apprendimento, La Toscana faciliterà la partecipazione ai concorsi delle persone con Dsa
Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una mozione di Ilaria Bugetti che chiede misure specifiche per i concorsi indetti dalla Regione e un’iniziativa nei confronti di Parlamento e Governo nazionale per approvare norme in materia.

Nella voce dei siblings
Il termine siblings viene utilizzato in Italia per definire i fratelli e le sorelle delle persone che presentano una disabilità. Quando si pensa alla disabilità ci si concentra solitamente sulla persona affetta da questa condizione e sui loro genitori, riflettendo sulla storia e sulle conseguenze della disabilità nella loro vita. È quando, però, i genitori vengono a mancare che i fratelli si trovano in una situazione nuova, paradossalmente sempre presente ma inattesa per le necessità che dovranno affrontare: improvvisamente catapultati in scelte che non coinvolgono solo la vita del fratello ma anche la loro, come trovare un compagno/a adeguato che accetti il carico di cura, formare una nuova famiglia, avere una carriera lavorativa condizionata dalla possibilità di poter allontanarsi o meno da casa.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).

Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it

Seguici anche su Facebook.

Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

Ultimo aggiornamento il 6 Febbraio 2020 da simona