Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 8 luglio 2021

Il contrasto all’abilismo nel DDL Zan
Il 25 giugno scorso, nell’ambito di Milano Pride, si è svolto l’incontro pubblico denominato Corpi possibili. Il contrasto all’abilismo nel DDL Zan. I crimini d’odio colpiscono le persone non per qualcosa che hanno commesso, ma per ciò che sono: questo il messaggio più forte e trasversale a tutti gli interventi. Poiché il tema dell’abilismo, pur essendo presente nel testo del Disegno di Legge Zan, ha avuto poche occasioni pubbliche di essere trattato specificamente, abbiamo ritenuto importante dare conto di questo evento.

Pisa, il “Bollino Blu” che include escludendo
«Con riferimento al progetto “Bollino Blu” del Comune di Pisa per l’accesso agli esercizi commerciali delle persone con autismo, la nostra associazione ha deciso di non partecipare al progetto, non perché non sia una buona idea, ma perché non ci è stata data la possibilità di verificare la qualità della formazione fornita e di portare la voce delle nostre famiglie», con amarezza l’associazione Autismo Pisa-Valdera-Valdicecina ha preso le distanze dall’iniziativa presentata nei giorni scorsi dal Comune toscano.

Un’ampia indagine sull’accesso agli ausili nel nostro Paese
Quale conoscenza abbiamo sulla reale diffusione delle tecnologie assistive, più semplicemente chiamate “ausili”? E in quale misura l’Italia è in grado di rispondere ai bisogni di ausili della popolazione? Per rispondere a queste domande è stata avviata nel nostro Paese la più ampia raccolta dati di sempre sull’accesso agli ausili, promossa e finanziata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, con il contributo scientifico e finanziario dell’Istituto Superiore di Sanità e il coordinamento dell’Associazione AIAS di Bologna, supportata dalla Fondazione CENSIS e dalla Rete GLIC.

Una app che aiuta le persone con disabilità a comunicare, conoscere e informarsi
Si chiama “Digital-Ability” ed è una app realizzata dalla Cooperativa Sociale Integrazione Biellese a marchio ANFFAS, in collaborazione con diversi partner pubblici e privati, per aiutare le persone con disabilità a comunicare, conoscere, leggere e informarsi, aumentando la loro capacità di adattamento al nuovo contesto sociale nella fase post-emergenza Covid.

L’umanità è l’unico vero medicamento quando non si hanno altre armi per curare
La pandemia da Covid-19 è stata un’esperienza traumatica collettiva che ha reso ineludibile il pensiero della nostra fragilità e della nostra finitezza. Nella sua ultima opera, Il guaritore infetto. La cura ai tempi del coronavirus (la meridiana, 2020), Nadia Muscialini, raccoglie i vissuti e le testimonianze del personale sanitario chiamato a far fronte ad un’emergenza inizialmente sconosciuta sotto il profilo scientifico, e che ha comportato un’esposizione al dolore, alla sofferenza e alla morte talmente intensa e prolungata da mettere a dura prova, e talvolta a far saltare, tutti i meccanismi di difesa della psiche.

Disponibile un modello di veicolo già adattato dalla fabbrica al trasporto delle persone in sedia a rotelle
Il diritto alla mobilità delle persone con disabilità motoria non è sempre garantito, pertanto le persone che si spostano in sedia a rotelle sono quasi obbligate a risolvere il problema acquistando i veicoli in proprio e poi facendoli adattare a proprie spese. In questo contesto è interessante il nuovo modello Renault Kangoo WAV con pianale posteriore ribassato e una rampa di accesso scorrevole già fornite dalla casa automobilistica francese.

Non solo favole, ma attenzione alla realtà: la disabilità raccontata dai libri per ragazzi
Una riflessione sul modo in cui la letteratura, e in particolare quella rivolta a bambini e ragazzi, ha raccontato la diversità attraverso le storie di tanti personaggi “diversi” e al tempo stesso “universali”. Che insegnano ai più piccoli che il mondo è grande e c’è spazio per tutti.

Vivere in modo indipendente, essere inclusi nella comunità
«Gli Stati dovrebbero promuovere con forza il processo di deistituzionalizzazione e coinvolgere le organizzazioni di persone con disabilità in tutte le discussioni che hanno un impatto sui diritti di tali persone. Inoltre, per una piena vita indipendente, devono essere accessibili non solo gli alloggi, ma anche l’ambiente comunitario circostante»: lo ha dichiarato l’attivista finlandese con disabilità Pirkko Mahlamäki, durante una tavola rotonda dedicata alla vita indipendente, evento collaterale della recente 14^ Sessione della Conferenza degli Stati Parti sulla Convenzione ONU.

La riabilitazione si fa in Goletta
L’esperienza di navigazione in mare di undici giovani utenti dei Centri Diurni Disabili di Cusano Milanino, gestiti dalla cooperativa sociale Solaris per conto dell’Azienda speciale consortile Insieme per il Sociale (Comuni di Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano e Cusano Milanino). I giovani, tutti con grave disabilità cognitiva, sono stati accompagnati da operatori della cooperativa Solaris e da un’infermiera di Insieme per il Sociale.

Il DDL Zan è importante anche contro la discriminazione delle persone con disabilità
Il disegno di legge n. 2005 attualmente all’attenzione del Senato della Repubblica, recante “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”, è da mesi oggetto di attenzione e dibattito pubblico. La proposta, comunemente nota come “DDL Zan” è conosciuta dal grande pubblico principalmente per talune norme in materia di tutela dei diritti delle persone LGBT. Si parla molto meno, tuttavia, delle previsioni in materia di disabilità che, pure, mettono sul piatto un tema di scottante attualità.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF)nel 2011, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).
Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it
Seguici anche su Facebook.
Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

 

Ultimo aggiornamento il 8 Luglio 2021 da simona