Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 17 giugno 2021

Presentata in Senato una Memoria per contrastare la violenza sulle donne con disabilità
Il 10 giugno 2021 la Federazione Italiana Superamento Handicap è stata ricevuta in audizione al Senato presso la “Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere”. L’incontro si è focalizzato sulla Memoria redatta dalla Federazione “sui problemi delle donne con disabilità che hanno subito violenza in relazione ai percorsi di assistenza sanitaria e ospedaliera e sul tema delle multidiscriminazioni nei riguardi delle donne con disabilità”. Si tratta di un testo rilevante sia sotto il profilo politico che sotto quello programmatico.

Dare forma ai sogni attraverso percorsi di autonomia lavorativa
Le persone con disabilità non solo dovrebbero trovare un impiego nel mondo del lavoro, ma dovrebbero anche essere destinatarie di politiche che ne promuovano l’opportunità di lavoro autonomo, l’imprenditorialità, l’organizzazione di cooperative e l’avvio di attività economiche in proprio, come previsto dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. Parte da questa semplice constatazione l’interessante riflessione sul lavoro delle persone con disabilità oltre i pregiudizi e l’indifferenza proposta da Martina Gerosa, urbanista e Disability & Accessibility Manager, alla quale, ben volentieri, diamo spazio.

Il Dirigente Scolastico può solo aumentare e non ridurre le ore di sostegno
Lo ha stabilito una recente Sentenza prodotta dal Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) del Lazio, che confermando la precedente giurisprudenza, sia della Corte di Cassazione che del Consiglio di Stato, ha messo un importante punto fermo sul fatto che il PEI (Piano Educativo Individualizzato) è l’atto definitivo che fissa il numero delle ore di sostegno da assegnare e che tale numero di ore non può essere ridotto. Semmai, appunto, il Dirigente Scolastico può solo aumentarle.

Protezione Civile Toscana, un nuovo sistema orientamento per persone con disabilità visive nelle emergenze
Durante l’emergenza da Covid-19 l’Unione italiana ciechi e ipovedenti della Toscana (UICI) ha intrapreso una collaborazione con la Protezione Civile regionale finalizzata ad abbattere le barriere architettoniche incontrate dalle persone fragili, in particolare cieche e ipovedenti, nei campi allestiti durante le emergenze. La collaborazione tra l’UICI Toscana e la Protezione Civile si è concretizzata in una donazione per l’acquisto del sistema LetiSMART ed in un momento formativo rivolto ai volontari/e della stessa Protezione civile e degli altri soggetti coinvolti progetto.

Accessibilità dei musei alle persone con autismo, un bel progetto a Paestum
Si chiama “Il Tulipano Art – Un tuffo nel blu”, un innovativo progetto di fruizione ed inclusione museale delle persone con autismi e con disabilità cognitive ideato da Il Tulipano Art, con il cofinanziamento della Regione Campania, presso il Museo Archeologico Nazionale di Paestum (il sito archeologico della Magna Grecia in provincia di Salerno). Nell’ambito dello stesso è stata sviluppata un’App dedicata ed un’agenda digitale per visitatori e visitatrici con autismi e con disabilità cognitive, ed anche una piattaforma per le visite a distanza.

Deumanizzazione delle persone con disabilità durante la pandemia, il bilancio pesantissimo dell’Anffas
Nei giorni 11 e 12 giugno scorsi si è svolta l’Assemblea Nazionale dell’Anffas. L’evento ha trattato come tema centrale un recente documento elaborato dal Comitato Sammarinese di Bioetica dal titolo “Umanizzazione delle cure e accompagnamento alla morte in scenari pandemici”, ed è che è stato l’occasione per tracciare il pesantissimo bilancio, anche in termini di perdita di vite umane all’interno della realtà associativa, dell’ultimo anno e mezzo. Né mancano le preoccupazioni per il futuro, a partire da quella per la tenuta e la prosecuzione dei servizi che, a parte pochi casi positivi, non ricevono ancora la giusta attenzione e considerazione da parte degli enti preposti ad erogarli.

Progetti di vita. Storie di studenti e studentesse con disabilità
«Questa collana nasce dall’osservazione delle esperienze di tanti studenti e studentesse, storie diverse, ma tutte caratterizzate, pur nelle diverse forme di disabilità, da un segno importante e positivo»: raccontano così, i direttori Luca Fanucci e Sandra Lischi, la nuova collana dell’Università di Pisa “Progetti di vita. Storie di studenti con disabilità”, curata dall’USID (Ufficio Servizi per l’Integrazione di Studenti con Disabilità) dell’Università stessa, in collaborazione con il Polo Comunicazione del CIDIC (Centro per l’Innovazione e la Diffusione della Cultura).

SOSteniamoci, un sondaggio per creare interventi online a supporto dei caregiver informali
Michelle Semonella è una dottoranda in psicologia presso la Bar-Ilan University in Israele. Il suo progetto di dottorato si chiama SOSteniamoci ed ha come obiettivo lo sviluppo di un intervento online per sostenere i caregiver informali in Italia. Per svolgere il progetto è stato predisposto un questionario online finalizzato ad indagare la prospettiva, l’aspettativa e la volontà dei/delle caregiver informali e degli psicologi/psicoterapeuti nei confronti degli interventi psicologici online.

Una storia d’amore e distrofia
Alla fine dell’estate due adolescenti si innamorano su un’isola in Sicilia, ma la malattia si mette di mezzo come un terzo incomodo, la distrofia muscolare. Il regista Camaini: “Prendendo la malattia in una fase non ancora acuta, avevo la possibilità di concentrare le mie attenzioni sulle ricadute psicologiche più che sui problemi fisici”. Su Netflix.

Asperger, storia di Agnese e della sua ombra
Le ragazze Asperger hanno più probabilità dei ragazzi di essere diagnosticate erroneamente o di non esserlo affatto. Di loro si parla poco, e ancor meno le si studia. Agnese è una di queste: da quando è nata, sedici anni fa, la sua ombra le fa compagnia e tenta il possibile per disturbarla o metterla in difficoltà. Nel libro “Ragazza Aspy” racconta il suo personale percorso nel quale l’ombra, osservata e illuminata, si trasforma in un tesoro prezioso.

Funziona la progettazione universale? Oggi c’è uno strumento che lo valuta
Nella sua tesi di dottorato al Politecnico di Milano, Erica Isa Mosca dà evidenza a uno strumento che valuta il successo in sede ospedaliera della “progettazione universale”, il “Design for all”. «Mi pare – scrive Antonio Giuseppe Malafarina – che lo strumento congegnato dalla dottoressa Mosca conferisca sostanza e concretezza all’idea della progettazione universale. Penso infatti che ogni imprenditorevorrebbe lavorare su progetti che ne predispongono ampiamente la riuscita. Quale migliore stimolo, dunque, per investire ancora di più nella progettazione per tutti?»

Tokyo 2020, a grande fatica verso i Giochi
Tra dubbi e incertezze i Giochi Olimpiadi e Paralimpici si avvicinano. In Giappone stato di emergenza ancora in vigore, pochi vaccini e sondaggi negativi. E nessun tifoso straniero sarà sugli spalti.

“È un sogno che si avvera”: tre ragazzi autistici vanno a vivere insieme
“È un sogno che si avvera”: lo dicono con entusiasmo Alessandro, Chiara e Vincenzo, tre ragazzi con disturbo dello spettro autistico che da poche settimane vivono insieme in un’abitazione messa a disposizione dall’associazione La Matita Parlante. “Ognuno di noi ha un compito, c’è chi cucina, chi pulisce, chi fa la spesa – spiegano i ragazzi -. Siamo molto contenti”.

Andrea Bocelli Foundation inaugura il progetto “Ricerca Scientifica e tecnologica”
Negli spazi della nuova sede della ABF Andrea Bocelli Foundation, situati a Firenze, in piazza San Firenze, il meeting che ha dato ufficialmente il via ai lavori della seconda fase di progetto del programma Challenges, che opera nell’ambito della ricerca scientifica, tecnologia e innovazione sociale e mira ad accogliere sfide importanti in termini sia di investimenti da compiere che di risultati da raggiungere, nella volontà di permettere a chiunque abbia difficoltà d’ordine economico o sociale, di arrivare a esprimere sé stesso. Il programma ha lo scopo di mettere insieme le migliori intelligenze per trovare soluzioni innovative che aiutino le persone ad affrontare e superare i limiti posti dalla loro disabilità o disagio verso una migliore qualità di vita.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF)nel 2011, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).
Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it
Seguici anche su Facebook.
Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

 

Ultimo aggiornamento il 17 Giugno 2021 da simona