Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 28 maggio 2020

Le valutazioni del GREVIO e la violenza sulle donne con disabilità
L’associazionismo femminile e quello specificamente impegnato nel contrasto alla violenza di genere hanno dato grande risalto alla pubblicazione del primo Rapporto di valutazione sull’applicazione della Convenzione di Istanbul (Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica) da parte del GREVIO (il Gruppo di esperti/e indipendenti responsabile del monitoraggio della sua attuazione). Lo stesso non si può dire dell’associazionismo delle persone con disabilità, nonostante il fatto che le donne con disabilità siano esposte a violenza più delle altre donne, e che il Rapporto contenga numerose ed importanti raccomandazioni specifiche per loro.

Diritti umani in emergenza, quattro seminari sulla disabilità ai tempi del COVID-19
Stigma e istituzionalizzazione, accessibilità, donne con disabilità e discriminazioni multiple, caregiving: sono questi i temi che verranno approfonditi nel ciclo di quattro seminari denominato “Diritti umani in emergenza. Dialoghi sulla disabilità ai tempi del COVID-19”. L’iniziativa, che si svolgerà nei mesi di giugno e luglio 2020, sulla piattaforma virtuale Google Meet, è organizzata dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Ferrara.

Al Museo con SLA: a Firenze un tour virtuale sulle tracce dei Medici
L’innovativo progetto “Al Museo con la SLA: senza limiti artistici” promosso da AISLA Firenze (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica) non si ferma con il coronavirus. Per le persone con sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e i loro caregiver familiari le visite tradizionali diventano virtuali, e Firenze diventa il luogo per ripercorrere la storia della famiglia Medici. Il tutto a partire da due assunti: l’arte ha una precisa funzione terapeutica riconosciuta in ambito medico, e la bellezza di Firenze aiuta le persone con SLA.

Una guida per tornare a sognare, con una vacanza in sicurezza e senza sorprese
«Non ci siamo mai fermati, perché il nostro lavoro è fondamentale per garantire vacanze di qualità a tante persone, e non vogliamo deludere nessuno. Vogliamo infatti ripartire con la nostra voglia di viaggiare, conoscere, incontrare, e tutti insieme tornare a sognare, continuando ad avere certezze su cui basare le scelte di vacanza»: così Roberto Vitali, fondatore e presidente di Village for all (V4A®), la nota rete specializzata in turismo accessibile, presenta l’edizione 2020 della “Guida alle Vacanze Accessibili”, disponibile gratuitamente e contenente anche un “Decalogo del Viaggiatore”.

Crescerà, con questa emergenza, la risposta inclusiva sulla disabilità?
Parla letteralmente di “test critico”, utile a capire se si stia dando seguito agli impegni internazionali in àmbito di inclusione sulla disabilità, il Rapporto prodotto dalle Nazioni Unite su disabilità e coronavirus. «Serve una risposta senza precedenti – scrivono dall’ONU –, con uno straordinario potenziamento del sostegno e dell’impegno politico, per garantire che le persone con disabilità accedano a servizi essenziali, compresi quelli sanitari e di protezione sociale immediati». Parole molto importanti, ma da sostanziare e mettere alla prova sulle politiche concrete dei singoli Stati.

Le persone con disabilità non possono essere dimenticate dalle Istituzioni
A metterlo nero su bianco è stato l’Alto Commissariato dell’ONU per i Diritti Umani, e invece, come scrive Renato La Cara, «durante la pandemia di Covid-19, sono state tante le esigenze e i bisogni essenziali purtroppo non affrontati in maniera idonea, riguardanti proprio le persone con disabilità. Come spesso accade in questi casi, un conto sono le indicazioni, altro sono le azioni. L’ONU, infatti, ha diramato le Linee Guida da seguire, ma poi dovranno essere i singoli Stati a recepirle e a renderle operative, senza dimenticare nessuno. D’ora in poi nessun Governo potrà dire di non saperlo».

“Le persone sorde devono poter accedere alle informazioni, anche in situazioni d’emergenza”
La lettera di Sheila Zhi Xu, cittadina americana e residente permanente in Italia, sull’importanza per le persone non udenti di ricevere informazioni e non restare escluse. “Dal 21 marzo il governo italiano ha coinvolto interpreti Lis e sottotitolato le conferenze. L’Ens si è mobilitato. Invece negli Stati Uniti c’è tanta confusione…”. Fare del tutto “per garantire accessibilità e sicurezza”.

Centri estivi, 10 parole chiave, da accessibilità a inclusione. Ma saranno per tutti?
Le risorse arrivano dal Fondo per le politiche della famiglia, integrato di 135 milioni di euro ed erogato ai Comuni. Si svolgeranno nelle scuole o negli spazi aperti. Tra gli standard da assicurare accessibilità, sicurezza sanitaria, inclusione delle disabilità. Ma il rischio è che siano per pochi.

Così i bambini con disabilità sono tornati allo Spazio Gioco
L’abilità ha ripreso i suoi servizi per bambini con disabilità. Sono fra i primi a Milano. «I bambini ne avevano bisogno e in assenza di indicazioni regionali ci siamo assunti la responsabilità della riapertura», dice la presidente. Il 70% ha detto sì. Visiere, mascherine, sanificazione… Ogni aula accoglie un solo bambino, in attività individuali. «Ma alla socialità non possiamo rinunciare, pensiamo a piccoli gruppi in esterno già da metà giugno».

Verso una democrazia della cura
Intervista al gruppo di ricercatrici e attiviste che ha promosso l’omonimo appello. Tra gli effetti di questa pandemia c’è l’aver mostrato la centralità e la necessità del lavoro di cura. Eppure, significativamente il cosiddetto decreto Cura Italia, aveva dimenticato proprio le lavoratrici della cura: colf, assistenti familiari (badanti). In questo paradosso precipitano due questioni che il nostro Paese non ha mai pienamente affrontato e che oggi non sono più rinviabili, pena l’arretramento sul terreno dei diritti delle donne e la nascita di nuove e profonde disuguaglianze e ingiustizie.

Stati Uniti. Disabile mentale libero dopo 43 anni di carcere da innocente
Per metà della detenzione nel braccio della morte, poi per le sue condizioni è sfuggito al boia in Georgia. L’afroamericano subì discriminazioni razziali.

SMA, la Commissione Ue approva la terapia genica
Grandi novità per il mondo SMA. La Commissione Europea ha approvato la terapia genica a base del farmaco noto come onasemnogene abeparvovec-xioi, e commercializzato con il marchio Zolgensma®, per il trattamento dell’atrofia muscolare spinale.

Covid e Rsa. “Potenziata attività di sorveglianza attiva e di monitoraggio in queste strutture”
Dal Dpcm 17 maggio 2020 al decreto Rilancio, “Il Ministero della salute assicura fin da subito il necessario supporto a favore delle regioni e la conseguente attività di vigilanza, per garantire che il nuovo modello di assistenza territoriale sia attuato, in modo uniforme sul territorio nazionale, mediante i piani regionali, che garantiscano la piena soddisfazione dei bisogni sanitari e la completa presa in carico dei pazienti”. Così la sottosegretaria alla Salute Zampa rispondendo all’interrogazione di Cecconi (Misto).

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).

Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it

Seguici anche su Facebook.

Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

Ultimo aggiornamento il 28 Maggio 2020 da simona