Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 4 marzo 2021

L’8 marzo il giorno dopo
Per sottolineare che la questione femminile, ed in particolare la discriminazione multipla a cui sono esposte le donne con disabilità, non può essere affrontata solo nella Giornata internazionale dei diritti della donna, l’UICI Sezione Territoriale di Catania (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) ha organizzato l’incontro online “L’8 marzo il giorno dopo”, previsto, appunto, per il 9 marzo. «Perché delle donne, delle donne con disabilità, dei loro diritti, delle loro esigenze, delle multi-discriminazioni che le investono è necessario occuparsi con interventi concreti ogni giorno dell’anno», spiegano le organizzatrici dell’evento.

VIVIEN, contrastare la violenza di genere a partire dalle sue radici culturali
Nell’agosto 2018 abbiamo avuto modo di segnalare l’imminente avvio del progetto VIVIEN, acronimo di “VIctim VIolence Educational Network”, un progetto educativo per migliorare la capacità di assistere le donne vittime di violenza, con l’obiettivo di prevenire e affrontare la violenza contro le donne, con una attenzione particolare alle donne con disabilità.  L’importante iniziativa, coordinata dalla Giolli Società Cooperativa di Montechiarugolo (Parma), si è appena conclusa. Per conoscerne gli esiti abbiamo rivolto qualche domanda Cristina Ceruti e Roberto Mazzini, referenti di Giolli Società Cooperativa per il progetto VIVIEN.

Tutte le risposte sui vaccini alle persone con sindrome di Down
Chiarire alle persone con sindrome di Down (e non solo) tutti i dubbi sul vaccino anti-Covid nel modo più semplice possibile: è questo l’obiettivo della video-intervista voluta dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), che vede quali protagoniste la specialista Diletta Valentini, responsabile del Centro Sindrome di Down dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma e Anna Chiara Paolini, donna con sindrome di Down socia dell’AIPD e segretaria del Centro stesso. Sul tema, inoltre, sempre l’AIPD ha promosso anche la realizzazione dell’opuscolo “Prepariamoci a fare il vaccino per il Covid-19”.

Le critiche dell’AISLA Firenze sul nuovo appalto per gli ausili per la comunicazione
«Il taglio di tre dei quattro operatori e di una delle due educatrici, seppur bilanciato dall’ingresso di figure nuove, seppur professionali, ma non esperte delle problematiche comunicative delle persone con disabilità, ci trova totalmente in disaccordo» sottolinea Barbara Gonella, presidente di AISLA Firenze, commentando il nuovo appalto che prevede una riorganizzazione dell’LAAC (Laboratorio Ausili per l’Apprendimento e la Comunicazione).

Arte, la Dante Society di Londra sceglie il Dante di Federica Mauro
Si chiama “Dante e le stelle” l’opera scelta dalla Dante Society di Londra per illustrare la locandina del concorso artistico internazionale, “Dante 700”, volto a celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta. A realizzarla è stata Federica Mauro, diciassettenne con disabilità, che abita in Toscana e coltiva molteplici interessi.

Al memorial letterario “Antonietta Rongone” anche storie e poesie in tema di disabilità
In questi giorni è stata indetta la quinta edizione del memorial letterario “Antonietta Rongone”, voluto dal sindacalista Enzo Giase per ricordare la figura della sua amata moglie, come atto di puro mecenatismo nei confronti dell’arte della scrittura. Al concorso si può partecipare con un libro edito o una poesia in dialetto sul tema della disabilità, oppure con un libro dedicato alla Basilicata.

Vaccini, a Carrara un gesto di solidarietà nei confronti di una mamma caregiver
Avendo letto sulla stampa locale la testimonianza di una mamma/caregiver che chiedeva di essere vaccinata per proteggere il proprio figlio con disabilità, Giovanni un signore di Carrara di 91 anni, già in lista per la vaccinazione, ha deciso di cederle il proprio posto. È chiaro che la soluzione di queste situazioni non dovrebbe essere affidata alla solidarietà, ma la solidarietà, con la sua valenza simbolica, può riuscire a cogliere le contraddizioni del sistema, e a dar risalto ad istanze che sino ad oggi non hanno travato accoglimento.

L’appello a Speranza: vaccinare le persone fragili prima di quelle in salute
Presentata una lettera inviata al Ministro della Salute, aperta alle sottoscrizioni attraverso l’Osservatorio Malattie Rare e già siglata da 40 associazioni e ben 104 parlamentari.

Autismo: “Vaccinateci, un contagio sarebbe un disastro!”: appello di una mamma
Brunella vive a Pompei, sola con sua figlia Federica, che ha 35 anni e un disturbo dello spettro autistico. “Frequenta un semiconvitto convenzionato, è esposta al rischio di contagio, ma dei vaccini non sappiamo nulla: non siamo una priorità. Per lei una quarantena sarebbe impossibile. Un ricovero sarebbe un disastro”.

Caregiver in ospedale con il paziente disabile, con il Dpcm si può
L’articolo 11 conferma il “divieto agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso”, ma introduce “l’eccezione per gli accompagnatori dei pazienti in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità”. Le associazioni: “Bene, ma preoccupa che si parli di accompagnatore, non di caregiver”.

Una reale inclusione scolastica, che punti alla “luna” e non a fissare il “dito”
Come già molti altri che hanno dibattuto su queste pagine, anche Paola Di Michele riflette sui nuovi modelli di Piani Educativi Individualizzati per l’inclusione degli alunni e delle alunne con disabilità, fornendo un ulteriore angolo visuale alla discussione, quella di un’assistente all’autonomia e alla comunicazione. Poi, però, allarga l’orizzonte a quei passaggi necessari a colmare la distanza fra le intenzioni dei Legislatori e ciò che produrrebbe «l’inclusione, quella vera, quella che non c’è». «Oppure – conclude – anziché puntare alla “luna”, continueremo a fissare il nostro “dito”».

L’inclusione, oltre i progetti per i bambini con disabilità
Ha preso il via “Inclusi. Dalla scuola alla vita, andata e ritorno”, un progetto innovativo finanziato da Con I Bambini con l’obiettivo di lasciare in 5 regioni italiane buone pratiche più inclusive, non solo nella scuola. Tecnologie, reti con le aziende, sport, percorsi di autodeterminazione: Francesca Gennai presenta le nove azioni previste.

La scarpa per non vedenti che segnala gli ostacoli
Una soluzione tech e discreta, in grado di comunicare anche con lo smartphone via bluetooth, in sostituzione al classico bastone bianco.

Per rendere visibili le donne con disabilità
Una mostra fotografica di Massimo Podio – più un “esploratore d’immagini” che un semplice fotografo – costituirà uno dei momenti centrali dell’evento online denominato “Siamo Donne. Digital Talk sulla Vita Indipendente”, promosso per l’8 marzo dall’AVI di Roma (Agenzia per la Vita Indipendente), in corrispondenza della Giornata Internazionale della Donna, che insieme alla mostra proporrà una serie di riflessioni «per rendere visibili le donne con disabilità».

Il lockdown, grande prova generale del “Dopo di Noi”, ma “Durante Noi”
Come scrive Carmela Cioffi, è una vera ricerca etnografica, che mette insieme i punti di vista di tutti i protagonisti, dagli ospiti ai familiari e agli operatori, quella di Noemi Figliolini, educatrice romana che lavora presso la Fondazione Italiana Verso il Futuro, fondata a Roma da un gruppo di genitori con figli con disabilità e che gestisce sul territorio capitolino sette case famiglia con progetti diversificati. Tra queste c’è Casa Futura, dove abitano cinque persone con disabilità intellettiva e Noemi ne racconta la vita al tempo del primo lockdown, nella primavera dello scorso anno.

Slava Raškaj. Quando la pittura è voce
Nascere sordomuta, in una società in cui il confine tra disabilità fisica e ritardo mentale era labile. Scegliere di diventare pittrice, in un’epoca in cui la critica considerava l’arte una professione per gli uomini, un passatempo per le donne. Morire a soli ventinove anni, proprio nel momento in cui sembravano arrivare i primi riconoscimenti.

“PSICOdizioRADIO”: il dizionario per parlare (in modo corretto) di salute mentale
Con l’aiuto dei redattori di Psicoradio proviamo a diffondere maggiore consapevolezza sulle parole che riguardano la salute mentale. Brevi pillole da ascoltare, con un dizionario dalla A alla Z sul disagio psichico.

Intelligenza artificiale per la diagnosi delle retinopatie
A Singapore si sperimenta un algoritmo in grado di riconoscere patologie importanti con l’analisi di una semplice fotografia. Cresce l’uso di applicazioni «smart» in sanità.

Secondo una ricerca britannica diagnosi autismo arriva in media a 7 anni, con picchi a 18
Un’indagine condotta nel Regno Unito su un campione di 1.047 genitori ha evidenziato come la media di età a cui questi bambini avevano ricevuto una diagnosi di disturbo dello spettro autistico era di 7 anni e 4 mesi, con un picco di 18 anni per il 4% e un’età massima di 40 anni.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF)nel 2011, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).

Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it

Seguici anche su Facebook.

Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

 

Ultimo aggiornamento il 4 Marzo 2021 da simona