Menu Chiudi

Servizi antiviolenza preparati ad accogliere donne con disabilità

«Lei mi menava per qualsiasi cosa. Pure se andavo al supermercato e ritornavo scordandomi qualcosa, lei mi menava… con qualsiasi cosa che aveva tra le mani.»
Anicia (donna con disabilità di 28 anni) racconta le violenze subite dalla madre (testimonianza contenuta in “Silenzi interrotti”, un cortometraggio sulle violenze e gli abusi subiti dalle donne con disabilità, regia di Ari Takahashi, prodotto dalla Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (FISH) e l’associazione Differenza Donna, novembre 2018).

 

Karl Schmidt-Rottluff, Donna pensierosa, 1912, Brücke-Museum, Berlino.

Le donne con disabilità sono esposte a un maggior rischio di subire violenza rispetto alle altre donne. Gli ultimi dati Istat disponibili, risalenti al 2014, ci dicono che il 31,5% delle donne senza limitazioni ha subìto una qualche forma di violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita, la percentuale sale al 36,6% per le donne con disabilità; il rischio di subire stupri o tentati stupri è doppio per le donne con disabilità (10%) rispetto a quelle senza limitazioni (4.7%); il 31,4% delle donne con gravi limitazioni ha subito violenza psicologica dal partner attuale, mentre per le altre donne la percentuale è del 25%; infine, anche rispetto allo stalking prima o dopo separazione si registra una sensibile differenza tra le donne che lo hanno subito: 21,6% per le donne con gravi limitazioni, e 14,3% per le donne senza limitazioni (fonte: Istat, La violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia. Anno 2014). Eppure, anche a fronte di queste evidenze, sono ancora pochi, qui in Italia, i servizi antiviolenza accessibili e preparati ad accogliere donne con diverse disabilità. Trascriviamo di seguito quelli che abbiamo individuato sino ad ora, riservandoci di aggiornare l’elenco qualora dovessimo individuarne di ulteriori. L’obiettivo di questo repertorio è mostrare l’esistenza di esperienze virtuose per promuovere la realizzazione di servizi simili in tutto il territorio nazionale.

 

Associazione Verba (Torino) – Servizio Antiviolenza Disabili

(vedi anche: L’Associazione Verba e quell’anima attenta al genere, «Informare un’h», 26 febbraio 2020; #Rifiorire, una buona campagna contro la violenza sulle persone con disabilità, «Informare un’h», 17 novembre 2020).

Casa della donna (Pisa)

(vedi anche: Violenza sulle donne con disabilità: l’esperienza della Casa della Donna di Pisa, «Informare un’h», 20 gennaio 2020).

Differenza Donna (Roma) – Sezione in tema di “Violenza sulle donne con disabilità

(vedi anche: Contrasto alla violenza sulle donne con disabilità, il modello di Differenza Donna, «Informare un’h», 27 agosto 2020).

MondoDonna onlus / AIAS di Bologna (Associazione Italiana Assistenza Spastici) – Sportello CHIAMA chiAMA

(vedi anche: Bologna, organizzazione e dati del servizio antiviolenza per le donne con disabilità, «Informare un’h», 17 settembre 2020).

 

 

Sezione del centro Informare un’h dedicata al tema “La violenza nei confronti delle donne con disabilità”.

Sezione del centro Informare un’h dedicata al tema “Donne con disabilità”.

 

Repertorio a cura di Simona Lancioni, responsabile del centro Informare un’h di Peccioli (Pisa)

© Informare un’h – Tutti i diritti riservati – Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione.

 

Data di creazione: 19 Novembre 2020

Ultimo aggiornamento il 19 Novembre 2020 da simona