Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 11 giugno 2020

Le donne con disabilità sono state lasciate indietro durante l’emergenza COVID-19?
Sarà moderato da Ana Peláez Narváez, vicepresidente del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF), e si svolgerà il prossimo venerdì 19 giugno, l’interessante seminario on line organizzato dal Forum stesso, e finalizzato ad individuare le questioni specifiche che le donne e le ragazze con disabilità dell’Unione Europea hanno dovuto affrontare durante la pandemia, a capire come salvaguardare anche i loro diritti durante e dopo la pandemia, e a condividere buone pratiche e conoscenze su come garantire che le risposte alla pandemia includano anche le loro istanze.

Comune di Pisa, 420mila euro per il “Bonus anziani 2020”
C’è tempo sino al 30 settembre per presentare domanda per il cosiddetto “Bonus anziani 2020”, una misura disposta dal Comune di Pisa per le persone anziane (ultra65enni) munite di certificazione di invalidità o di handicap residenti nella città dalla torre pendente. Essa prevede un contributo di 200 euro al mese per l’anno in corso, e per un massimo di 12 rate. Il bando e il modulo di presentazione della domanda sono disponibili on line.

FantasticHandicap, un concorso per raccontare la disabilità in tutte le sue sfumature
C’è tempo sino al 30 giugno per partecipare alla diciottesima edizione del Premio Letterario Nazionale “FantasticHandicap”, iniziativa organizzata e promossa dall’associazione di volontariato Centro Documentazione Handicap del Comune di Carrara, per raccontare la disabilità in tutte le sue sfumature.

Massa Carrara, i tagli alla scuola mettono a rischio i diritti degli/delle studenti con disabilità
Lo scorso 30 maggio duecento persone fra docenti, genitori e studenti sono scese in piazza a Massa contro i tagli alla scuola nella provincia di Massa-Carrara. Una protesta che si protrae da giorni e sulla quale si è espressa anche la Consulta Provinciale delle Persone con Disabilità di Massa Carrara. Scrive infatti Pier Angelo Tozzi, presidente della Consulta, nel comunicato che rilanciamo: «non è più immaginabile ritenere di poter prendere decisioni, esprimere pareri o ipotesi che interessano la qualità della vita delle persone con disabilità senza interpellare i diretti interessati, i loro familiari e le Associazioni che li rappresentano».

Studenti disabili, due milioni e mezzo per favorire l’inclusione scolastica negli istituti secondari
Favorire l’inclusione scolastica degli studenti disabili iscritti alle scuole secondarie di secondo grado con interventi finalizzati al trasporto scolastico e all’assistenza socio-educativa. Questo è lo scopo della delibera, approvata dalla Giunta, con cui la Regione Toscana assegna contributi propri in vista dell’anno scolastico 2020-21, per 2 milioni e 500 mila euro complessivi, a favore delle Province toscane e della Città metropolitana di Firenze.

Lo smart working durante l’emergenza epidemiologica covid-19
Il lavoro agile (c.d. smart working) resta una delle misure principali adottata dal Governo per contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

“Per uscire dalla pandemia, conviene a tutti il rispetto dei diritti delle persone con disabilità”
Nel Piano “Iniziative per il rilancio – Italia 2020-2022”, consegnato al governo dal gruppo di lavoro guidato da Vittorio Colao, un’attenzione specifica alle persone con disabilità fra diritti, inclusione, sostegno.

Decreto scuola approvato, i docenti di sostegno potranno andare a casa degli studenti
Approvato anche alla Camera il Decreto Scuola con 145 voti a favore e 122 contrari. All’interno anche novità sugli insegnanti di sostegno.

Sorpresa: l’app Immuni è accessibile a tutti!
«Devo ricredermi – scrive Stefania Leone, dopo tante esperienze negative vissute in questo àmbito -: ero pronta ad un articolo diverso e invece ho potuto verificare con piacere che l’app Immuni, per il tracciamento dei contatti nell’emergenza coronavirus, risulta accessibile e usabile, anche con screen reader o altre configurazioni particolari. Da un semplice primo test, infatti, essa risulta accessibile da uno smartphone di media generazione, con l’ausilio di una delle tecnologie assistive più utilizzate dalla maggior parte di persone con disabilità visiva, il ben noto “Voice Over”».

A proposito dell’accessibilità dell’app Immuni
A proposito dell’accessibilità dell’app Immuni, realizzata per tracciare i contatti nell’emergenza coronavirus, ci scrive Sabato De Rosa, sottolineando che l’app presenta vari problemi di accessibilità per le persone ipovedenti. La stessa Leone ribadisce di avere svolto «un primo veloce test riguardante solo le persone che utilizzano il noto lettore di schermo “Voice Over”», ricordando inoltre che «un test completo di accessibilità si può definire tale solo se effettuato da un gruppo di sei o sette persone con disabilità diverse».

Dopo di Noi, Anffas soddisfatta per i 20 milioni. “Ma ora si attui la legge”
Il Decreto Rilancio, in corso di conversione in legge, ha previsto tra l’altro l’incremento del Fondo per il Dopo di noi. Per la fondazione di Anffas, un buon inizio, ma “grave il ritardo nell’applicazione della legge, occasione imperdibile per abbandonare definitivamente una logica di residenzialità fatta di grandi numeri, di istituti e di luoghi segreganti”.

Riaprire il Terzo settore: come si applicano i protocolli di sicurezza
Per farlo è necessario riprogettare servizi e attività per prevenire ogni forma di contagio, ma anche rafforzare la propria capacità di accountability e di comunicazione. L’intervento di Paolo Bandiera, direttore affari generali di Aism.

La legge sui caregiver familiari non può attendere oltre
«La legge sui caregiver familiari – scrivono dal CONFAD (Coordinamento Nazionale Famiglie con Disabilità) – non può attendere oltre, è una lacuna che dev’essere colmata affinché non ci si ritrovi più in un’emergenza senza ricomprendere l’immane responsabilità che i caregiver familiari quotidianamente affrontano. Una grave lacuna che dev’essere colmata, pena il protrarsi di questa condizione di Paese che non può altrimenti definirsi civile».

Disabilità e Covid-19, come costruire insieme le misure di sicurezza
Dalla difficoltà di co-responsabilizzare gli utenti all’importanza di personalizzare i protocolli per evitare di riaccendere focolai di contagio. L’esperienza delle linee guida sulla riapertura delle attività di Anffas al seminario di formazione di CSVnet.

Coronavirus in Veneto, lettera di una mamma: «Fatemi abbracciare mio figlio disabile psichico»
Il caso: applicare protocolli che tengano conto delle difficoltà di adulti mai cresciuti.

Nuovo monitoraggio Lea. Sono 11 le Regioni adempienti nelle tre aree: ospedaliera, prevenzione e distrettuale. Ecco i risultati della seconda simulazione del Ministero della Salute
Al top Emilia Romagna, Piemonte e Veneto mentre fanalini di coda sono Molise, Campania e Calabria. Ecco i risultati della seconda simulazione del Nuovo sistema di Garanzia dei Livelli essenziali di assistenza (su dati 2017) che rispetto alla prima rilevazione di un anno fa (su dati 2016) vedono crescere le Regioni adempienti. Si conferma buona l’assistenza ospedaliera in tutta Italia mentre permangono problemi nell’assistenza territoriale e nell’insufficienza degli screening e della copertura vaccinale.

Cittadinanzattiva: “Emendamenti bipartisan a sostegno della nostra proposta su assistenza domiciliare da finanziare con aumento accise su tabacco riscaldato”
Il riferimento è al Decreto Rilancio e alle proposte emendative che recepiscono quelle dell’associazione con la realizzazione di Piani regionali pluriennali per il rafforzamento dell’assistenza domiciliare, finanziati attraverso la revisione del regime fiscale che vige sui prodotti da tabacco riscaldato rispetto alle normali sigarette. Il segretario generale Antonio Gaudioso: “Crediamo si debba fare di più, stabilizzando le misure attraverso un potenziamento pluriennale a favore delle prestazioni di assistenza domiciliare. In questo modo si farebbe davvero una scelta strategica”.

COVID-19: la testimonianza di Margherita, dottoressa e mamma di una bambina con fibrosi cistica
La donna è protagonista della nuova campagna di raccolta fondi promossa dalla fondazione FFC. Margherita Lambertini, 52 anni, è un medico del pronto soccorso, ed è impegnata nella lotta al Coronavirus. Il suo volto, una maschera di resiliente stanchezza, ritratto con i segni profondi lasciati non solo dalla mascherina al termine del turno, ha fatto il giro del mondo insieme a quelli dei colleghi dell’ospedale San Salvatore di Pesaro, protagonisti del reportage fotografico di Alberto Giuliani, che ha ispirato la Campagna internazionale “Courage is beautiful” di un noto brand.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato a Budapest il 28-29 maggio 2011 dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF) in seguito ad una proposta del Comitato delle Donne dell’EDF, approvato dalla Lobby Europea delle Donne, revisione realizzata alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con Disabilità, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità, traduzione a cura di Simona Lancioni e Mara Ruele, Peccioli (PI), Informare un’h, 2017, p. 70, in formato pdf.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).
Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it
Seguici anche su Facebook.
Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

 

Ultimo aggiornamento: