Menu Chiudi

Newsletter del centro Informare un’h, 29 aprile 2021

“Diritti umani in emergenza”, ovvero elementi per sognare in grande
“Diritti umani in emergenza. Dialoghi sulla disabilità ai tempi del Covid-19” (Roma, IF Press, 2021) è un’opera scaturita da un omonimo ciclo di seminari online organizzati nei mesi di giugno e luglio 2020 dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Ferrara. Un’iniziativa a cura di Maria Giulia Bernardini e Sara Carnovali, che sono anche curatrici del volume. L’opera si snoda in quattro filoni tematici contestualizzati nel tempo della pandemia di Covid-19: stigma e istituzionalizzazione, accessibilità, donne con disabilità e discriminazioni multiple, caregiving.

La rete delle strutture toscane che sanno accogliere i malati con disabilità
Disabilità non è malattia, ma i disabili sono persone, dunque si ammalano e quando si ammalano hanno bisogno di strutture accoglienti sotto il profilo edilizio, strumentale e professionale. Vediamo dunque come funziona in Toscana il programma PASS (Percorsi Assistenziali per i Soggetti con Bisogni Speciali), che consente a tale Regione di disporre di con una rete di strutture in grado di accogliere i malati con disabilità.

Caregivers: quelli e quelle che avrebbero bisogno di una legge li/le tuteli
Chi sono i/le caregivers? Lo spiega Stella Di Domenico con la lettera aperta che pubblichiamo di seguito. In essa Di Domenico fa ricorso all’ironia. La “bomba dentro” si può raccontare anche così. Un altro modo, dopo averne provati tanti altri, per chiedere qualcosa che invece è molto serio e molto importante: #subitounaLeggeperiCaregivers. E non fa ridere per niente il fatto che questa Legge ancora non ci sia.

Alta Val di Cecina Valdera, parte “Invulnerabili a bottega”
Parte in Alta Val di Cecina Valdera “Invulnerabili a bottega”, seconda edizione di un progetto di accompagnamento al lavoro per persone con disabilità e soggetti vulnerabili. Un’iniziativa promossa dalla Società Cooperativa Aforisma Impresa Sociale, in co-progettazione con diversi enti pubblici e del privato sociale, che prevede la redazione di progetti personalizzati di accompagnamento al lavoro per almeno 60 persone, e ameno 42 tirocini.

Far sentire in Europa la voce delle ragazze e delle donne con disabilità
Come segnala il Gruppo Donne dell’EDF, il Forum Europeo sulla Disabilità, la Commissione Europea ha dato il via in questi mesi a due importanti consultazioni pubbliche sul fenomeno della violenza contro le donne, basate su altrettanti questionari aperti fino al 10 maggio. «È certamente una buona opportunità – sottolinea Luisella Bosisio Fazzi, componente del Direttivo dell’EDF – per contribuire a portare anche la voce delle ragazze e delle donne con disabilità, tramite le Associazioni italiane impegnate in difesa dei diritti delle persone con disabilità».

Un’indagine sulle sfere del corpo e dell’intimità delle donne con disabilità
Chiara Paglialonga è una dottoranda in Scienze Sociali dell’Università di Padova che sta svolgendo una ricerca di dottorato volta ad indagare le sfere del corpo dell’intimità delle donne con disabilità fisico-motoria e/o sensoriale. Per portare a termine questo lavoro Paglialonga ha bisogno di raccogliere le testimonianze di donne con disabilità di età compresa tra i 18 e i 45 anni. Le informazioni saranno utilizziate esclusivamente a fini scientifici e saranno coperte dall’anonimato. Poiché promuovere studi scientifici su questi temi è un altro modo per incentivare la cultura dell’inclusione, ben volentieri diamo spazio all’appello di Paglialonga, e invitiamo le donne con disabilità che rientrano nel profilo richiesto a collaborare.

Congedi, permessi e assistenza: garantire gli stessi diritti alle unioni civili
È una discriminazione multipla, di genere e condizione, quella ravvisata sulle unioni civili, dalla Federazione FISH, che per questo ha scritto al presidente dell’INPS Tridico e ai ministri Orlando e Bonetti, chiedendo all’Istituto una nuova Circolare «che garantisca il diritto delle parti di unione civile ad avere gli stessi benefìci, cioè i congedi e permessi previsti dalla Legge 104/1992 e dal Decreto Legislativo 151/2001, per l’assistenza a una persona con disabilità, alle stesse condizioni immaginate per i coniugi, e cioè anche per l’assistenza ai parenti dell’altra parte dell’unione».

Terzo settore, infanzia, disabilità e non autosufficienza nel PNRR
Il Presidente del Consiglio ha presentato al Parlamento il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Ecco alcuni punti. In arrivo una riforma della disabilità e una per la non autosufficienza.

Anche ascoltare le persone con disabilità sarebbe un “ristoro” importante
Il “divario digitale” vissuto dalle persone con disabilità e i limiti dei servizi rivolti alle persone con disabilità (intellettiva e non), come sono concepiti oggi in Italia e che la pandemia ha messo nudo, ma che esistevano assai prima di essa: c’è molto, in questo approfondimento di Carmela Cioffi, comprese le voci di autorevoli “addetti ai lavori”, quali Carlo Francescutti e Marco Paolini, il quale sottolinea tra l’altro come «dare voce alle persone con disabilità sia un dovere e un’opportunità, un “ristoro” forse meno urgente di quelli economici, ma non per questo meno importante».

Maturità 2021, debutta il “curriculum dello studente”. Inclusivo o discriminatorio?
Intervista al dirigente del ministero dell’Istruzione Damiano Previtali: “Polemiche dovute a cattiva informazione. Non serve per valutare, ma per raccogliere informazioni su tutti gli ambiti di vita dello studente, incluso l’impegno sociale. E’ uno strumento inclusivo e per tutti: anche studenti disabili che sostengono l’esame valorizzeranno le loro esperienze”.

Sclerosi multipla: 20 clip per conoscerne meglio tutti i sintomi e contrastarli
Ogni persona con la sclerosi multipla presenta una “propria sclerosi multipla”, composta da una combinazione di diversi sintomi con la quale si deve convivere e venirne a capo. Ci sono poi sintomi visibili e altri che lo sono molto meno, tutti, però, peggiorano la qualità di vita della persona e anche le sue relazioni sociali e lavorative. Per contrastare e far conoscere meglio tutti i sintomi della malattia, verranno condivise venti clip animate, sui canali social dell’AISM, la prima delle quali, dedicata alla fatica, è già disponibile.

“Sono una mamma disabile e non c’è niente che debba nascondere a mio figlio”
Il racconto di Laura Coccia, una donna con disabilità che è diventata mamma.

Attivato in tutta la Toscana il numero unico europeo per le emergenze 112
Al via la campagna informativa regionale sul Nue 112. Da oggi con l’attivazione di questo servizio anche nei distretti telefonici di Livorno-Piombino-Pisa-Pontedera-Volterra, si completa il percorso avviato lo scorso dicembre nell’area di Firenze-Prato. Bezzini: “Così si rafforza il sistema di soccorso interregionale”.

 

Il centro Informare un’h promuove la lettura, l’adozione e l’applicazione di questo importante strumento, ed invita caldamente tutte e tutti a contribuire alla sua divulgazione:
Forum Europeo sulla Disabilità, Secondo Manifesto sui diritti delle Donne e delle Ragazze con Disabilità nell’Unione Europea. Uno strumento per attivisti e politici, adottato dall’Assemblea Generale del Forum Europeo sulla Disabilità (EDF)nel 2011, versione in lingua italiana approvata dal Forum Europeo sulla Disabilità.
Esso è disponibile che in versione facile da leggere (qui la presentazione), e nella versione in comunicazione aumentativa alternativa – CAA (qui la presentazione).

Un cordiale saluto e buona lettura
Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli, Peccioli (PI)

 

Questa newsletter è un servizio offerto da Informare un’h – Centro Gabriele e Lorenzo Giuntinelli della UILDM sezione di Pisa (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare).
Per richiedere informazioni, inviare segnalazioni, per ricevere o non ricevere più la newsletter scrivi a: info@informareunh.it
Seguici anche su Facebook.
Consulta l’archivio delle nostre newsletter.

 

Da gennaio 2018 il centro Informare un’h inizia una collaborazione con il Coordinamento DiPoi – Durante e dopo di noi (www.dipoi.it), ospitando nella propria newsletter le informazioni e le segnalazioni prodotte dagli enti aderenti al Coordinamento stesso.

 

Ultimo aggiornamento il 29 Aprile 2021 da simona